Florenzi ora bussa sempre più forte alla porta di Zeman

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) – L’inserimento è un’arte marziale che si sviluppa nel sangue. Assomiglia a un colpo fulmineo di karate, o a un calcio volante in stile taekwondo. Poco importa che ti chiedano di applicarla nel Crotone, nella Roma o nella Nazionale Under 21. E’ tua. Alessandro Florenzi l’ha scoperta quando era poco più di un bambino. E adesso si diverte a migliorarla, osservando i movimenti dell’idolo Fabregas. Guardate nei video il gol che ha segnato in Olanda mercoledì con la nuova Under di Mangia. Contropiede, apertura larga sulla destra, sassata di destro in diagonale.[…]

INVESTIMENTO – E’ la conferma che la Roma, dopo essersi incartata nella trattativa con il Crotone, ha fatto la cosa giusta andandolo a riprendere per il bavero. E’ vero, era stato sbagliato snobbarlo concedendo alla controparte un diritto libero di riscatto. Ma sarebbe stato un errore imperdonabile non riportarlo a casa subito. A 21 anni, rischiava di finire tra le grinfie di una grande società e sparire per sempre dal territorio in cui è nato. Con un milioncino abbondante di spesa, invece, Sabatini ha accontentato Zeman che l’aveva voluto fortemente. E si è assicurato un altro prospetto di campione.

 

PRONTO – «E’ stato un bene per me andare in serie B a farmi le ossa, oggi mi sento un calciatore più maturo» ha raccontato Florenzi negli Stati Uniti, durante la tournée in cui aveva segnato un gol al Liverpool. Naturalmente con un inserimento, stavolta rabbioso invece che tattico, davanti al pubblico entusiasta del Fenway Park di Boston. La preparazione zemaniana ne ha rafforzato autostima e ambizioni. Al momento attuale, Florenzi è in piena corsa per una maglia da titolare con la Roma. Qualcosa di impensabile un anno fa, quando a malincuore accettò il consiglio del procuratore Lucci e si trasferì in Calabria, con vista sul Mar Jonio, dopo aver vinto il campionato Primavera da capitano. […]
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy