Cska, il segreto è nel tridente

Il team russo conterà sull’imprevedibilità data dalle giocate di Tosic, esterno di corsa, ma soprattutto dagli sprint del nigeriano Musa e dalla punta centrale Doumbia.

di finconsadmin

Il CSKA Mosca è seconda, a -6 dallo Zenit San Pietroburgo. Il team russo conterà sull’imprevedibilità data dalle giocate di Tosic, esterno di corsa, ma soprattutto dagli sprint del nigeriano Musa e dalla punta centrale Doumbia.

Slutski – come rileva il Corriere dello Sport – ha impostato la sua squadra con un 4-2-3-1.

Musa è una freccia, uno dei maggiori talenti della Nigeria. Doumbia ha velocità, senso del gol, ivoriano amico di Gervinho. Eremenko mette il suo estro a disposizione della squadra, Natcho è un “Pirlo”.

Il portiere Akinfeev e la coppia centrale Berezutski-Ignashevich non brillano certo per velocità.

Stasera il tecnico dei russi partirà dall’idea di maggiore copertura del campo arretrando Eremenko più vicino a Milanov e Natcho con Tosic e Musa larghi sulle fasce in un tridente mascherato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy