Cina e Usa, ora Pallotta può scegliere

di finconsadmin

James Pallotta è indubbiamente il presidente e l’azionista di riferimento  della Roma, ma l’assetto societario si è andato complicando in queste ultime settimane, come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport. Si è aggiunto lo Starwood Capital Group, che ha acquistato una quota di minoranza dell’AS Roma SPV LLC.

 

Starwood è un’azienda che gestisce 23 miliardi di attività. L’interesse dei nuovi investitori statunitensi per la Roma sta essenzialmente lì, nella possibilità di entrare a piedi uniti nell’affare del nuovo stadio, il cui progetto definitivo – cioè quello su cui il Comune dovrà pronunciarsi nel giro di 90 giorni – sarà consegnato agli uffici competenti prima di Pasqua, nelle intenzioni martedì o mercoledì.

 

Dall’altra parte, c’è Chen Feng che sta tuttora trattando con Pallotta e con Unicredit l’acquisto del 31% della Roma che appartiene alla banca. L’intenzione di Feng è diventare comproprietario della Roma. La Starwood invece è semplicemente entrata in società con Pallotta. La differenza è sottile e sostanziale. Il nuovo socio non prende direttamente potere all’interno di Trigoria, ma, attraverso un membro del consiglio che va ad aggiungersi a Pallotta, Ruane, D’Amore e Di Benedetto, avrà voce in capitolo nelle scelte strategiche.

 

A Pallotta, impegnato nella ricerca prima dei 300 milioni necessari a costruire lo stadio e poi dei 700 milioni che servono per le infrastrutture, va benissimo. Non è dato sapere quale sia la cifra dell’investimento del gruppo sul progetto stadio. E’ esplicito invece il fatto che gli statunitensi si aspettano grandi cose dalla «zona circostante, dedicata all’intrattenimento» e pensano magari ad accrescere la ricettività alberghiera. Proprio gli aspetti sui quali l’amministrazione pubblica intende mantenere la più severa sorveglianza.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy