Bradley recupera, Pjanic corre verso l’Atalanta

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport) Tra smottamenti societari e strigliate dirigenziali, la Roma ha anche curato l’aspetto tecnico dedicandosi al primo allenamento della settimana che conduce a una partita fondamentale: domenica alle 12.30 contro l’Atalanta, appena dopo la festa dell’Olimpico che celebrerà (vedremo con quale spirito) le vecchie glorie della Hall of Fame.

DUBBIO PJANIC – La giornata di lavoro, in cui sono ricomparsi i gradoni, non ha sciolto l’incertezza sulle condizioni di Miralem Pjanic. L’ecografia di controllo ha certificato che la lesione muscolare è quasi smaltita. Ma i medici aspettano prima di restituirlo a Zeman. Pjanic ieri ha fatto una corsetta in campo e poi massaggi e fisioterapia. Nei prossimi giorni, a partire da oggi quando è previsto il doppio allenamento, se ne saprà di più. Il giocatore spinge per tornare in campo, anche perché in ogni caso non rinuncerà alla convocazione della Bosnia per le sfide di qualificazioni mondiali contro Grecia e Lituania. (…)«Voglio esserci, la mia priorità è la Roma» ha detto ai giornali del suo Paese.

 

BRADLEY OK -Confermato e sicuro, invece, il recupero di Michael Bradley, che ieri aveva ancora qualche dolorino ma si è allenato con la squadra. Per domenica sarà disponibile. Sarà Zeman a decidere se farlo giocare dall’inizio o se portarlo in panchina.

 

«TRANQUILLI» – Tutto a posto anche per Balzaretti. Ieri ha interrotto l’allenamento perché si sentiva ancora debole dopo la febbre. Ma uscendo da Trigoria ha escluso complicazioni: «Sto bene. Domenica ci sarò». Così come Osvaldo, che ha avuto un indurimento muscolare a Torino ma lo ha già (quasi) rimosso: non si arrenderà, non mollerà.

 

ECCO DODO’ – L’altra buona notizia riguarda Dodò, il brasiliano (ancora) invisibile. Ha fatto buona parte dell’allenamento con il gruppo e alla fine della giornata non aveva dolore al ginocchio. Adesso i suoi miglioramenti andranno gestiti con cautela. Ma l’obiettivo dello staff medico è riportarlo in gruppo durante la sosta, per permettergli di essere considerato da Zeman entro la fine del mese. Tocca al ginocchio di Dodò emettere la sentenza.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy