Juventus, Sabatini avverte: «Vucinic-Marchisio, sì può»

di Redazione, @forzaroma

(Tuttosport) È dallo scorso mese di gennaio che Mirko Vucinic sogna di vestire la maglia bianconera. Il montenegrino ha dovuto concedersi un sonno più lungo del previsto (a Roma c’è chi in effetti negli ultimi mesi lo considera­va dormiente),

ma il risveglio ormai è vicino e soprattutto promette di esse­re dolce. Le parole spese ieri dal ds giallorosso, Walter Sabatini, non si prestano infatti a dubbie interpreta­zioni: la Roma è pronta a trattare con la Juve il trasferimento di Vucinic

JUVE VICINA A VUCINIC – L’accelerazione dell’affaire Vu­cinic­ Juve l’avevamo registra­ta nei giorni scorsi, ieri a im­primere un’ulteriore spinta al tutto ha pensato Walter Saba­tini. Il ds giallorosso è ovvia­mente edotto, e non da ieri, sulla volontà della Juve di ar­rivare al montenegrino ed evi­dentemente considera maturi i tempi per sedersi al tavolo della trattativa. Così, nel corso di una conferenza stampa svoltasi nel ritiro di Riscone di Brunico, Sabatini ha chiara­mente invitato Beppe Marot­ta a uscire allo scoperto: «Vu­cinic è molto ambito da società italiane che però non si pale­sano… E interessa anche a club esteri. Io penso che, mes­so di fronte a una scelta, Mirko opterebbe per questa seconda opzione. Perché ha grande ri­spetto della Roma». In realtà la principale alternativa alla Juve è l’Inter, che nemmeno troppo a sorpresa (e magari solo come tattica di disturbo) si è affacciata, offrendo ai gial­lorossi Goran Pandev come contropartita. Proposta rispe­dita al mittente, ma non si possono escludere rilanci.

L’OBIETTIVO – Comunque Sabatini per primo non sem­bra concederle troppo credito all’Inter, visto che si è sentito in dovere di aggiungere: «Lo dico contro i miei interessi e forse anche contro quelli della Roma ma, riferendomi a que­sta ipotetica operazione con la Juve, non ho problemi a soste­nere che Marchisio è l’unico giocatore della rosa biancone­ra che prenderei». Chiosa che non si presta ad equivoci: «An­che ieri (sabato, ndr) ho visto fare cose incredibili a Mirko, giocate che appagano total­mente il mio senso estetico del calcio. Anzi, anche quello della concretezza. Però la possibilità che ci lasci è reale».

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy