Stampa inglese “Totti è come il Brunello di Montalcino, più invecchia e più migliora”

di Redazione, @forzaroma

(The Guardian)Francesco Totti è come il Brunello di Montalcino, più invecchia e più migliora.” Trapattoni invece disse che “esiste solo un Van Gogh e un Totti”, mentre l’attuale Ct della Nazionale, Cesare Prandelli ha dichiarato che se i Mondiali fosse dietro l’angolo, non potrei non chiamare Totti in Nazionale, ora è in forma, è fantastico ma devo valutare un mese prima del Mondiale”.
In questa stagione Totti ha segnato 3 goal e fatto 6 assists, nella partite fin qui disputate che la sua Roma ha sempre vinto, compresa l’ultima di venerdi scorso contro il Napoli.
Sono passati 12 anni dall’ultimo Scudetto della Roma e adesso qualche pensiero comincia a nascere nella Capitale… Totti è il secondo marcatore della storia del calcio italiano, ha segnato 230 reti superando gente come Del Piero (208 gol in 513 partite), Zola( 134 gol in 400 partite), Mancini (156 gol in 541 partite) e un certo Roberto Baggio (221 gol in 448 partite).

 

 

C’è di più. Dal 27 settembre 2006, quando Totti ha compiuto 30 anni , si è classificato sempre tra i primi 15 giocatori dei maggiori campionati europei nella sezione reti e assists. Solo Lionel Messi , Cristiano Ronaldo e Wayne Rooney , possono vantare numeri del genere. Ma non hanno 30anni.
Potremmo immaginare Totti se avesse giocato nel Real Madrid, come stava per succedere nel 2004, avrebbe avuto sicuramente più trofei, più coppe per il suo immenso talento. Invece ha detto di no al Real, prefendogli lealtà, fedeltà e passione. Ha preferito un club, un identità. Ha preferito il club della città in cui è nato e questo forse gli ha dato ancora più soddisfazione dei trofei non vinti.

 

LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy