Sabatini chiama Conti. Bruno: “Ok, io resto”

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – D.Galli) Bruno Conti ha detto sì. Resterà alla Roma. È stata decisiva una telefonata dalla Spagna di Sabatini. Una telefonata che il responsabile del vivaio giallorosso ha apprezzato parecchio.

Chiedeva rispetto, Conti. E rispetto ha avuto. Immaginate la giornata di ieri di Sabatini. Indossate i panni del direttore sportivo. La sera prima eravate a Londra, avete lavorato tutto il giorno per cercare di intavolare una trattativa con l’Arsenal per Clichy, ma pure per sondare il terreno per qualche giocatore da piazzare sul mercato inglese. State girando per l’Europa. La mattina vi dovete imbarcare per Barcellona. Per Bojan. Il cellulare squilla in continuazione. Scotta. Ma c’è un appuntamento che va onorato ed è telefonico. È con Bruno Conti. Sabatini compone il il numero, lo chiama, gli rinnova la fiducia sua e della proprietà americana, gli chiede di restare, di continuare a collaborare con la nuova Roma. Conti accetta. Perché quello di Sabatini è un attestato di stima. È la prova del nove. Il matrimonio può quindi proseguire, anche se a condizioni diverse. Da oggi, l’ex dt gestirà tutte le squadre del vivaio, tranne la Primavera e gli Allievi Nazionali. Queste due categorie passeranno sotto il controllo di Luis Enrique e la supervisione della direzione tecnica. Leggi, Sabatini. Su questo punto c’è totale sintonia con Conti. L’ala Mundial predica da anni l’integrazione tra i gruppi più importanti del vivaio, Primavera e Allievi Nazionali appunto, e la prima squadra. Conti è però qualcosa di più di un dirigente. È una metafora della Roma. Dici Bruno e pensi alla nostra storia. Aveva ragione il figlio Andrea, che due giorni fa a laroma24.it aveva tranquillizzato così i tifosi giallorossi: «Diciamocelo francamente. Se una figura del genere dovesse lasciare la società, succederebbe un casino. La piazza non sarebbe affatto soddisfatta di un suo addio». Una volta incassata la fiducia di Sabatini, il papà ha deciso di proseguire la sua storia d’amore da dirigente. Con la Roma, solo con la Roma.

E adesso? Semplice, si lavora. Conti ha cominciato ad esaminare tutte le situazioni del settore giovanile. Prima gli allenatori, poi le rose. Venerdì incontrerà Andrea Stramaccioni. Il tecnico degli Allievi Nazionali ha parecchio mercato. Si dice che l’Inter sarebbe pronta a offrirgli la panchina della Primavera. Stramaccioni ha però preso tempo. Conti è il suo mentore, è l’uomo che lo ha portato dalla Romulea alla Roma, dove ha vinto due scudetti, uno con i Giovanissimi, l’altro con gli Allievi. Stramaccioni lo considera un secondo papà. Venerdì, basterà uno sguardo per capirsi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy