Roma, Vucinic aspetta segnali

di finconsadmin

(Corriere dello Sport – P.Torri) Mirko Vucinic aspetta la Roma. Si dirà: ha un contrat­to per altre due stagioni, non ci sono motivi urgenti per avere un confronto con il montenegrino.

Vero, come però è altrettanto vero che almeno una parte del mercato giallorosso ruota intor­no a questa domanda: Vucinic rimane o è in vendita? Appare chiaro come la seconda opzione, vorrebbe dire non solo essere co­stretti ad aggiun­gere un attaccan­te esterno (e Vuci­nic può fare pure il centravanti) al­la lista della spesa stilata dal nuovo direttore sportivo Walter Sabatini. Ecco perché potrebbe essere utile, a breve giro di posta, che le parti si in­contrino. Da una parte Sabatini, dall’altra il procuratore del montenegrino, Alessandro Luc­ci, che, tra le altre cose, a Trigo­ria cura anche gli interessi e il futuro di alcuni dei giovani più interessanti usciti dal settore giallorosso negli ultimi anni ( Bertolacci, Crescenzi, D’Ales­sandro, Pettinari, Sini).

PAROLE –A proposito della situa­zione ieri, attraverso i microfo­ni di Sky, ha parlato proprio Alessandro Lucci che ha fatto capire di attendere una chiama­ta da parte della nuova Roma: «Per ora non ho avuto contatticon altri club. Prima di qualsia­si altra cosa dobbiamo parlare con la Roma per capire gli sce­nari futuri, solo dopo, nel caso, si prenderebbero in esame altre opportunità. Non c’è ancora un appuntamento fissato con la Ro­ma, ora c’è ancora un po’ di con­fusione come del resto si poteva immaginare. Noi aspettiamo ». Non fanno una piega le parole di Lucci, però francamente resta difficile credere che nessuno lo abbia chiamato per conoscere la situazione di Vu­cinic. Che avrà pure chiuso non bene l’ultima sta­gione, ma che re­sta un attaccante di sicura qualità e che può interes­sare diversi club, a tutti i livelli. C’è il Tottenham, per esempio, c’è la Fiorentina, è stato smenti­to un interessamento della Ju­ventus, non dell’Inter che da al­meno un paio d’anni ha messo gli occhi sul montenegrino. Se, insomma, ci fosse il via libera della Roma alla cessione del gio­catore, non sarebbe davvero un problema trovargli una sistema­zione, anche se c’è da tener pre­sente che Vucinic, se dovesse andare via, vorrebbe trovare una squadra importante, in gra­do di garantirgli la Champions League.

DUBBI –Da parte della nuova Ro­ma non ci sono dubbi sulle qua­lità di Vucinic. Da questo puntodi vista c’è l’intenzione di con­fermarlo. Ma tutto dovrà essere confrontato con la reale volontà del giocatore che negli ultimi mesi a Roma è stato oggetto di dure, e in qualche caso incivili, critiche. Cosa che gli ha fatto nascere il dubbio se continuare la sua avventura in giallorosso. Anche per questo, se non so­prattutto per questo, sarà neces­sario che le parti si incontrino per fare chiarezza sul futuro. Solo così si potrà operare bene sul mercato. Perché se Vucinic resta uno dei tre posti nel tri­dente è il suo, altrimenti biso­gnerà trovarne un altro al livel­lo del montenegrino, cosa che non è semplicissima e neppure poco dispendiosa.

MERCATO –A proposito di merca­to, c’è da dire che da un paio di giorni si è diffusa la notizia di un interessamento della Roma per Criscito, conseguenza di un re­centissimo incontro tra Sabatini e Capozucca, ds del Genoa. Po­trebbe essere pure vero, anche se la quotazione del cartellino dell’esterno difensivo (quindici milioni), sembrerebbe tagliare la testa al toro, cioè la Roma quei soldi non li spende. Sem­mai potrebbe essere più verosi­mile un interessamento per l’esterno argentino Palacio, gio­catore che ha già esperienza del nostro campionato e che sembra fatto apposta per essere uno dei due esterni offensivi che gioche­ranno ai fianchi di Totti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy