Roma e De Rossi verso il sì

di finconsadmin

(Corriere dello Sport – P.Torri) Oggi può essere il giorno giusto. Per l’incontro, il contatto, il colloquio, chiamatelo come volete, tra Walter Sabatini e Daniele De Rossi che ancora non è partito per le vacanze.

Per un rinnovo contrat­tuale che è il più atteso tra i non po­chi giallorossi che sono in scadenza il trenta giugno del prossimo anno (Riise, Menez, Doni, Perrotta, Cas­setti).

INCONTRO – La nuova Roma vuole De Rossi e il giocatore vuole rimanere in giallorosso, come ha confidato ai compagni prima del­lo sciogliete le righe.
Tra le parti, per la verità, c’è stato già più di un contatto, l’ultimo con il procu­ratore del centro­campista, Sergio Berti, servito soprat­tutto a ribadire le ri­spettive posizioni a proposito della vo­lontà di continuare insieme. Sabatini in ogni caso, proprio per l’importanza che riveste il vicecapita­no romanista, vuole incontrare personal­mente il giocatore. Non tanto, ini­zialmente, per parlare di soldi e du­rata del nuovo contratto, quanto per verificare di persona le reali inten­zioni del giocatore. Insomma, Saba­tini vuole toccare con mano la vo­glia di De Rossi. Dopo si passerà a parlare di soldi.

Il giocatore, da un pezzo ha capito che non sarà possi­bile puntare a uno stipendio stile Real Madrid o Manchester City, cioè intorno ai sei milioni di euro, cifra che i due club sopracitati gli avrebbero fatto capire di essere di­sposti a garantirgli. Una cifra, pe­raltro, quella dei sei milioni di euro netti a stagione che nelle settimane passate è stata indicata come la ri­chiesta iniziale del giocatore, cifra che per quanto ci risulta in realtà non è mai stata chiesta dal biondo di Ostia e cifra, pure, che quando è uscita ha fatto arrabbiare non poco il giocatore. Sa, De Rossi, che l’of­ferta giallorossa non sarà superiore a quella garantita a Totti ( circa quattro milioni e mezzo). E, sempre per quello che ci risulta, il centro­campista sarebbe pronto ad accet­tare, magari con un piccolo aumen­to e una serie di premi, uno stipen­dio paritario a quello che gli garan­tisce l’ultimo anno dell’attuale con­tratto (circa quattro milioni).

TELEFONATA – Ci sono i presupposti perché si arrivi a un accor­do, anche perché la nuova Roma ha inse­rito De Rossi tra i punti fermi del pro­getto. E c’è, a questo proposito, da svelare un piccolo retrosce­na che ha fatto molto piacere al giocatore. Infatti, tra le non molte telefonate che De Rossi ha ricevuto dopo la gomitata che ha rifilato a Bentivo­glio nella partita di campionato a Bari, c’è stata anche quella di Walter Sabatini. Una chiacchierata che ha fatto molto piacere al centrocampista che, al­l’epoca, era finito di nuovo al centro delle critiche per un episodio sì da stigmatizzare, ci mancherebbe, ma del quale è il primo a sapere di non avere attenuanti. Quel giorno sono cominciati i contatti. Che sono pro­seguiti con il procuratore e che ora vedranno il colloquio tra Sabatini e De Rossi. Non ci sarà subito la fu­mata bianca, ma se non ci hanno raccontato bugie, sarà solo questio­ne di poco tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy