Rebus Ramirez, la Roma torna all'attacco

di finconsadmin

(Il Resto del Carlino) – Resistere e trattenere Gaston Ramirez, o cederlo? Questo il dilemma che tormenta il Bologna, alle prese con la necessità di fare cassa per sistemare i conti e dare il via al mercato in entrata.

Da un lato, i vertici rossoblù vorrebbero ripartire dal numero dieci, consapevoli che la cosa farebbe la felicità di tifosi e allenatore e in prospettiva della società stessa, qualora il talento dovesse confermarsi e valorizzarsi ulteriormente; dall’altro, devono però fare i conti con le pressioni degli agenti del giocatore, della Roma, dell’Inter e con lo stallo dell’affare Viviano, da cui contavano di ricavare denaro a sufficienza per ripartire. Ergo, la cessione del numero dieci non può essere esclusa. La Roma è pronta a tentare nuovamente l’assalto in questi giorni. Il primo è stato respinto una settimana fa, quando l’uomo mercato rossoblù Salvatore Bagni rifiutò la proposta di 10 milioni avanzata dai giallorossi, chiedendone non meno di 15.

La cosa non è piaciuta all’agente uruguaiano del calciatore, Pablo Betancourt: «Sia io che il ragazzo siamo delusi, Gaston vuole la Roma: questa è una grande opportunità per lui», è sbottato dopo il rifiuto.. Betancourt però non è rimasto con le mani in mano e la Roma è pronta a riprovarci. A rivelarlo, nel fine settimana, è stato il procuratore italiano del talento rossoblù Vincenzo D’Ippolito: «La Roma lo lusinga ma per ora c’è distanza tra domanda e offerta. Vediamo come si sviluppa l’affare in settimana». Pur di liberare Gaston Ramirez, che a Bologna la prossima stagione avrebbe anche problemi di ingaggio (220mila, tra i più bassi) i mediatori hanno proposto un’alternativa: Ignacio Lores Varela, centrocampista offensivo ventenne in forza al Defensor Sporting, che per caratteristiche fisiche (182 centimetri per 75 chilogrammi) ricorda Ramirez. Secondo Betancourt anche quelle tecniche non gli fanno difetto: «Siamo davanti a un talento puro al pari di Abel Hernandez, anche se gioca in un ruolo diverso», ha riferito una settimana fa alla stampa che segue le vicende dell’Atalanta, altro club interessato al trequartista. L’Inter intanto non molla la presa: in settimana si rifarà viva, dopo che in quella passata ha proposto al Bologna la propria metà di Viviano per l’intero cartellino del nazionale uruguagio o in alternativa soldi e il prestito della punta Castaignos (18 anni) o del trequartista Coutinho (18).

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy