Ramirez piace ma 15 milioni sono troppi

di finconsadmin

(Il Romanista – C. Zucchelli) – Walter Sabatini è a Milano e in agenda ha un paio di appuntamenti che potrebbero accelerare la trattativa per Gaston Ramirez, centrocampista offensivo tutto sinistro e qualità del Bologna.

A Milano, infatti, ci sono anche il suo agente, D’Ippolito, e Salvatore Bagni, l’uomo che si sta occupando del mercato della società emiliana. Su una cosa le due società sono d’accordo: l’affare può andare in porto e Roma sarebbe la piazza ideale per le ambizioni del ragazzo. Resta solo, ed è fondamentale, trovare un accordo sul valore del giocatore: il Bologna, consapevole che su di lui ci sono tante squadre, anche straniere, vorrebbe almeno quindici milioni. In contanti, senza contropartite tecniche. La Roma ritiene questa una valutazione eccessiva e non vorrebbe pagare più di sette o otto milioni, magari inserendo anche qualche giocatore, come Rosi o Greco, per chiudere l’affare. Di questo si parlerà, da questa base partirà la trattativa, in cui D’Ippolito che conosce Sabatini da tempo, cercherà di fare da mediatore. La sensazione è che a dieci si possa chiudere, con reciproca soddisfazione.

«L’affare si può fare – ha detto colui che è l’agente anche di Abel Hernandez – Bisoli vuole costruire la squadra intorno a lui, ma se dovesse arrivare un’offerta importante, diciamo tra i 12 e i 13 milioni, visti i problemi della società, potrebbero anche lasciarlo andare. L’offerta della Roma lusinga Ramirez e lui vorrebbe provare a cimentarsi in questa nuova realtà». La Roma dovrà guardarsi soprattutto dalla concorrenza dell’Inter. I nerazzurri sarebbero pronti ad offrire una decina di milioni di euro. In mezzo c’è anche la trattativa per Emiliano Viviano, che potrebbe restare in Emilia ancora un anno. Se ne saprà di più dopo il 24 giugno, termine ultimo per le comproprietà (anche se difficilmente si arriverà alle buste), visto che al portiere è interessata anche la Roma. Una volta capito come Bologna e Inter si comporteranno con lui, Sabatini farà l’offerta finale.

E non è escluso che, così come potrebbe fare Branca, Viviano potrebbe essere inserito nella trattativa. Dalla città emiliana dicono che se Sabatini si presentasse con un assegno complessivo da 17 o 18 milioni, il Bologna cederebbe, e senza rimpianti, entrambi i giocatori. Grazie ai quali si potrebbe rinnovare l’intera squadra e risollevare le provate casse societarie. Non solo Italia: come detto, Ramirez piace molto anche all’estero e ci sarebbe un’offerta da 13 milioni dello Zenit di Spalletti a cui il Bologna avrebbe detto no. Così come il calciatore, per nulla convinto di trasferirsi in Russia. Vuole rimanere in Italia, l’ipotesi Roma è quella che preferisce, se necessario è pronto anche a forzare la mano col suo club. Convinto che un’opportunità del genere è meglio non farsela scappare.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy