Perrotta e Gago, niente Atalanta

di Redazione, @forzaroma

(Leggo – F. Balzani) – Gago sarà out almeno fino al derby; Pizarro ha mal di schiena; Viviani è stato convocato dall’Under 20; Greco continua a lavorare a parte e, ieri, la tegola-Perrotta: trauma distorsivo alla caviglia.

Danno da valutare ma che, certamente, mette il giocatore tra gli indisponibili per sabato. Risultato: centrocampo in emergenza. Luis Enrique per il match contro l’Atalanta, sabato all’Olimpico (ore 18), avrà solo tre mediani e mezzo a disposizione: De Rossi (ieri uscito anzitempo per una lieve contusione), Pjanic, Simplicio e Pizarro che, finora, non è riuscito a disputare più di 60 minuti di gara a causa dei molteplici problemi fisici che l’affliggono da oltre un anno ormai.

 A preoccupare maggiormente sono le condizioni di Gago e Perrotta. L’argentino continua a svolgere fisioterapia per un problema muscolare al polpaccio (probabilmente una lesione) che ricorda da vicino l’infortunio patito da Toni due stagioni fa e che costrinse l’ex-bomber giallorosso a uno stop di un mese e mezzo. I dubbi sulle condizioni fisiche e la tenuta muscolare di Gago erano forti sin dal suo arrivo nella capitale e oggi purtroppo sembrano essere diventati certezze. Perrotta, invece, si è fermato durante l’allenamento per un trauma distorsivo alla caviglia sinistra che lo ha costretto a uscire dal campo in barella. Oggi il centrocampista si sottoporrà agli esami diagnostici presso il Policlinico Gemelli per capire se l’infortunio ha interessato anche i legamenti della caviglia. In quel caso dalle due settimane si passerebbe a uno stop di un paio di mesi come insegna il caso-Lamela. A proposito del talento argentino, anche ieri ha svolto lavoro differenziato e spera di poter essere convocato per la prima volta in occasione del derby del 16 ottobre quando farà il suo ritorno, in porta, anche Stekelenburg. Il portiere olandese si allena da due giorni senza caschetto protettivo e, fosse per lui, tornerebbe tra i pali già sabato. Lo staff medico però lo frena anche per una strategia: se dovesse scendere in campo contro l’Atalanta, infatti, il portiere sarebbe costretto a rispondere alla chiamata dell’Olanda per il doppio impegno di Euro 2012 contro Svezia e Moldavia.

Infine, tra tanti guai, anche un incidente a lieto fine: ieri Borriello è dovuto uscire dal campo in barella per un duro colpo al ginocchio destro. A rifilarglielo è stato Luis Enrique. Sì, perché il tecnico ha voluto partecipare alla partitella (combattuta quasi come un derby, frutto del clima di competitività voluto dall’allenatore) e, come quando giocava, non ha tirato indietro la gamba in un tackle con il centravanti. Per fortuna Borriello sembra essersela cavata con una forte contusione e, oggi, dovrebbe tornare ad allenarsi regolarmente. Sono poche però le possibilità di vedere l’ex rossonero in campo dal primo minuto. Luis Enrique, infatti, è intenzionato a dare una nuova chance a Bojan, mentre Totti e Osvaldo al momento sembrano essere inamovibili così come Heinze che in difesa farà coppia con Burdisso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy