Per il giovane Lamela è quasi fatta dodici milioni per lui al River

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – F.Ferrazza) Erik Manuel Lamela ha ribadito il suo sì alla Roma, ora tocca al River Plate firmare il trasferimento. Fresco di retrocessione, il club argentino ha spedito in Italia un suo legale di fiducia, Daniel Crespo, per definire la trattativa.

Oggi dovrebbe essere il giorno, con giallorossi pronti a sborsare 12milioni (più un bonus del 20% in caso di futura cessione del giocatore) pur di assicurarsi il talentino di cui si parla un gran bene. Classe ‘92, trequartista, capace di muoversi anche come attaccante esterno, appassionato di playstation (“Scelgo sempre il Barcellona”), Lamela è da tempo un obbiettivo di Sabatini, forte di un accordo di massima con il papà del ragazzo. «Credo che Erik sia pronto per fare un’esperienza in Italia, anche se è molto giovane – la convinzione di Lamela senior – giocare in una squadra come la Roma per lui sarebbe importante».

La stampa argentina dà l’affare per quasi chiuso, parlando di ben 80% di possibilità, mentre Sabatini si è trincerato dietro in uno stretto riserbo. Nelle prossime ore se ne saprà qualcosa di più, anche se è chiaro che l’intento è quello di presentarsi la prossima settiman con Bojan, Lamela, Jose Angele Stekelenburg.

Per quanto riguarda il portiere olandese è l’allenatore dell’Ajax, De Boer, ad ammettere: «So che i suoi procuratori stanno parlando con la Roma. Io conosco le ambizioni di Marteen, ha ancora un anno di contratto e non è un segreto che lui voglia andare al club giallorosso. Posso solo immaginar che le parti stiano parlando, non so altro sinceramente». Un paio di milioni ci sarebbero ancora da limare tra domanda e offerta. Intanto oggi nella capitale sbarcherà Giuseppe Rossi. Non sembra esserci nessuno scoop di mercato, l’attaccante azzurro dovrà presenziare a un evento di cui è ospite, anche se è inevitabile che il suo passaggio no sarà inosservato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy