Passi avanti ma si rischia di chiudere ad agosto

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport) Eppur si muove. La infinita trattativa tra UniCredit e la cordata Usa (che ora ha in campo anche i manager Pannet e Barror) va avanti e il passaggio di proprietà della Roma ieri ha vissuto una giornata di riunione fiume

che i sussurri provenienti dagli accigliati studi legali definiscono «discretamente positiva» .

Parla DiBenedetto Nell’intervallo, poi, c’è stato anche un contatto diretto con DiBenedetto, che a sua volta ha riferito ai suoi tre soci l’andamento dei lavori. Il senso che viene fornito dalle due parti è questo: non si lavora più sul passato (cioè sulle perdite ormai note) ma su quelle definite «di sviluppo» in cui ci sono 13 milioni circa da incasellare. Da decidere se farlo appunto in conto perdite oppure in conto capitale. Differenza non da poco, come non poche sono le percentuali d’interesse che potrebbero essere limate per arrivare ad un accordo a breve. Breve quanto? Al momento l’ipotesi più probabile è che il closing slitti di qualche giorno rispetto al 29 luglio indicato. Sviluppi Ovvio, però, che si dovrà dare comunicazione alla Consob del cambio di programma, così come -se si sforasse ad agosto -occorrerebbe rivedere il precontratto siglato a Boston, che prevedeva la chiusura per fine luglio. Per accelerare la svolta, oggi potrebbe partecipare alla nuova riunione anche Paolo Fiorentino, vice amministratore delegato di UniCredit, mentre DiBenedetto arriverà a Roma solo all’immediata vigilia del «closing» . Incrociando le dita

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy