Musica giallorossa e Campo Testaccio

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – A.Milza) – Era l’Hardimitz’n Steakhouse di Riscone di Brunico ma sembrava di essere a Campo de’ Fiori. O meglio ancora, a Campo Testaccio, visto che la serata era ispirata proprio alla mitica canzone interpretata da Vittorio Lombardi, celebrativa di una Roma d’altri tempi.

Oltre cento persone hanno cantato e sventolato bandiere mercoledì sera in un piccolo locale dell’altrettanto piccola Riscone. Tutti uniti, anche per ripararsi meglio dal freddo (in mattinata erano caduti diversi fiocchi di neve sulle montagne che fanno da cornice al centro sportivo dove si allena la Roma). Il Maestro si è esibito nei pezzi più popolari del suo repertorio: da Campo Testaccio a Roma che bello averti al mondo, passando per Voglia di stringersi un po’ e per la versione di Roma Roma scritta da Gepy. Il pubblico ha gradito e chiesto più volte il bis. Vittorio Lombardi ha accontentato i suoi fans almeno fino a quando i residenti del posto non hanno chiesto di porre fine alla serata minacciando di chiamare le forze dell’ordine, turbati da un insolito frastuono per le loro orecchie, fatto di cori e ritornelli cantati ad alta voce. Come nei grandi concerti, prima dell’esibizione di Lombardi la serata si era aperta con l’allegro ed esaltante ritmo rap/hip-hop di Teo e Mula, al secolo Roberto Errichetti e Stefano Trotta. I due ragazzi romani del quartiere Talenti hanno cantato un paio di brani da loro scritti e interpretati, dettati dalla passione per la Roma: Caput Mundi e Giallo Rosso. Il primo già noto in varie radio della Capitale. Il secondo è destinato a diventarlo presto. Intanto continuano ad arrivare altri rappresentanti dei club associati all’AIRC. Ieri è stata la volta di Fabio Renna, nei giorni scorsi riconfermato presidente del Roma Club Acea. Insieme alla figlia, Martina Renna, lo scorso anno eletta Miss Oro&Porpora qui a Riscone e che proprio ieri sera ha ceduto la fascia alla nuova reginetta del tifo romanista. «E’ sempre un piacere seguire la Roma in ritiro – ha detto il presidente del Roma Club Acea – ed ogni anno sembra esserci un entusiasmo sempre maggiore. Ho sentito parlare molto bene di Luis Enrique e sono anche io curioso di assistere agli allenamenti per capire se trasmette davvero quella carica che dicono. Totti? Mi è sembrato di ottimo umore mentre firmava autografi ai tifosi».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy