«Vorrei tanti altri 17 giugno»

di finconsadmin

(Il Romanista – M.Macedonio) – Quella di ieri è stata anche la sua giornata. Quando arriva in via Baccina, accompagnata dalla madre, la signora Maria, per presenziare all’inaugurazione della mostra dedicata al decennale dello scudetto 2001, Rosella Sensi non nasconde la propria emozione.

Sa che, attraverso lei e la sua famiglia, è il ricordo di suo padre ad essere celebrato in questo 17 giugno. Lo ripete lei stessa, più volte. «Fu Franco Sensi l’artefice di quello scudetto – dice – e il mio pensiero va oggi a lui, se possibile ancora più degli altri giorni». Un concetto, questo, che aveva già espresso ai microfoni di Centro Suono Sport, e che ribadirà più tardi, davanti alle telecamere di Sky Sport 24. Parla da “presidente uscente” come si autodefinisce, ma, per un giorno, soprattutto da tifosa. Quella che è sempre stata («In famiglia – ricorda – abbiamo sempre mangiato pane e Roma ») e che continuerà ad essere, come ha promesso, anche con la “nuova” Roma. «Perché è giusto guardare al futuro, e a chi verrà faccio i miei auguri di tutto cuore, ma è altrettanto importante ricordare la storia». E la storia dice che quanto si è vissuto in questi anni porta soprattutto la firma di Franco Sensi. «Avremmo potuto vincere di più – sostiene Rosella – ma se avessimo vinto due anni fa sarebbe stato comunque un successo di mio padre, perché è lui che ha dato inizio a qualcosa di magico per questa società. L’ha presa in una condizione critica, nel ’93, e l’ha fatta crescere. Da parte mia, credo d’aver fatto il possibile per dare seguito a ciò che voleva lui, nonostante quello che può esser stato detto, a volte in maniera anche impropria. Ma non mi interessa, perché l’ho fatto sempre con quello che sentivo, commettendo forse anche degli errori, ma solo chi non fa non sbaglia. Ho fatto tutto con grande amore ma non accostatemi a papà, che ha fatto una grande Roma, all’altezza delle grandi d’Europa. Il mio 17 giugno di oggi? È come quello del 2001. E mi auguro di poterne festeggiare altri». Torna con la mente a quei giorni, Rosella Sensi, e quasi si commuove: «La partita con la Juventus fu importantissima. Così come quella di Napoli, alla penultima giornata. Quel pareggio ci bloccò e fu motivo di grande apprensione per mio padre. Quella sera chiamò a raccolta l’intera dirigenza della Roma per spronare tutti a fare il possibile per raggiungere l’obiettivo. Quella settimana fece una maratona dietro l’altra. In casa non stava mai fermo, camminava avanti e indietro, con il timore che quel sogno potesse non realizzarsi. E anche il giorno di Roma-Parma, non faceva che chiedere: “Quanto manca?”. Era un obiettivo che rincorreva da sempre e la sua soddisfazione più grande era poter regalare quella gioia ai tifosi. C’è riuscito e il giro del campo che fece al termine della partita gli costò così tanto, emotivamente, da sentirsi male all’uscita dallo stadio e non poter godere appieno di quei festeggiamenti ». Non può non ricordare, Rosella, anche quanto ha vissuto al termine della sua ultima partita da presidente. «È stata un’emozione grande. In un momento travagliato come questo, mi piace dire che ciò che è successo quella sera è la parte bella del calcio. Non c’erano i giocatori da un lato e il presidente Rosella Sensi dall’altro. C’erano i rapporti umani costruiti nel tempo. Ed è un ricordo che, come tanti altri, conserverò nel tempo».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy