Luis Enrique, contratti fatti

di finconsadmin

(Il Romanista-C.Zucchelli) I contratti sono già pronti, devono solo essere firmati. Quando? Da oggi, ogni momento è quello buono. Salvo imprevedibili colpi di scena (che a Roma come a Londra escludono, mentre in Spagna li danno per possibili)

entro questa settimana Luis Enrique sarà il nuovo allenatore della Roma
.

L’annuncio, perlomeno questa è l’intenzione della società, dovrebbe essere dato entro mercoledì. Un giorno importante, visto che Sabatini si insedierà ufficialmente a Trigoria, con tanto – pare – di conferenza stampa di presentazione. Per quella del nuovo allenatore bisognerà invece aspettare, visto che DiBenedetto vuole essere a Roma per quel giorno, posando per la prima volta da presidente della società con accanto il tecnico scelto. Un allenatore che la Roma vuole fortemente, pur non essendo disposta in alcun modo a tollerare altri ritardi. Se Luis Enrique, in queste ore, dovesse manifestare qualche altro dubbio, Sabatini e Baldini accantoneranno la pista. Ma non accadrà, come assicurano tutti. Soltanto in Spagna sono ancora convinti che ci possa essere spazio per qualche ripensamento: il sito del Mundo Deportivo rilanciava ieri pomeriggio la candidatura dell’asturiano per l’Atletico Madrid con un titolo inequivocabile: “El favorito”. Peccato che però fonti vicine a Luis Enrique continuano a dare per fatto il trasferimento. Non solo: l’allenatore dovrebbe essere nella Capitale tra domani e dopodomani. Sabatini lo aspetta, vuole parlarci di persona, mostrargli il centro tecnico, continuare a concordare con lui nomi e strategie. Di mercato e non solo.

Luis Enrique, d’accordo con il ds, dovrà anche concordare le date del ritiro (lui e i suoi collaboratori vorrebbero qualche giorno in più delle classiche due settimane) e tutti quei piccoli grandi aspetti che un allenatore, specie se nuovo, deve valutare. Il contratto dell’ormai ex allenatore del Barça B sarà firmato dall’avvocato Venturini, già consigliere d’amministrazione, che da oggi, o al massimo nei prossimi giorni, dovrebbe avere potere di firma su questioni specifiche come lo sono appunto i contratti e tutte le questioni inerenti al mercato. Da questa settimana, in sintesi, si comincia a lavorare sul serio. Come detto, Sabatini sarà a Trigoria e nel suo nuovo ufficio sarà chiamato a sciogliere tutti i nodi del mercato giallorosso. Vedrà De Rossi, poi sarà il turno di Mirko Vucinic e del suo procuratore, Alessandro Lucci. L’intenzione degli americani è di tenerlo, come confermato poi dallo stesso Lucci, adesso starà a lui decidere cosa fare. A Luis Enrique il giocatore piace, e anche tanto, ma, d’accordo con Sabatini, vuole soltanto giocatori motivati e coinvolti nel progetto.

Ci sarà da sudare a Trigoria nei prossimi mesi. L’allenatore spagnolo vuole giocatori sempre al top fisicamente (anche questo ha fatto presente ai dirigenti romanisti) ed è convinto che solo con tanta corsa, da parte di tutti e 11 i giocatori, si possa attuare quel 4-3-3 tutto pressing e verticalizzazioni che ha in mente. E che a Sabatini e Baldini piace molto. Perché è moderno e affascinante, coinvolgente e spettacolare, in grado di conquistare sia i giocatori sia i tifosi. E questo è un obiettivo che la nuova proprietà ha come primario. A patto di cominciare fin da ora. Per questo si aspetta che Luis Enrique diventi al più presto l’allenatore della Roma. Non c’è più tempo da perdere, tra un mese si torna tutti di nuovo in campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy