Luis Enrique, ci siamo

di finconsadmin

(Il Messaggero-A.Angeloni) La Roma ha fatto tutto quello che doveva fare: gli ha dato carta bianca sullo staff; ha accontentato lui e i suoi collaboratori sotto l’aspetto economico; è pronta ad affidargli il progetto tecnico.

Luis Enrique ha fatto capire al mondo di essere ingolosito dalla prospettiva di cominciare l’avventura romana, di essere pronto a costruire un Barcellona nella capitale italiana, ma ancora non ha detto sì. Che, secondo fonti giallorosse, arriverà ad ore e verrà formalizzato quando sarà ufficializzato il nome di chi potrà firmare i contratti (si vuole evitare che lo faccia la Sensi), in primis quello dell’allenatore. Il delegato sarà il dottor Roberto Venturini, manager di Unicredit, già secondo consigliere della Roma con delega alle finanze. Inoltre in questi giorni verrà formalizzato pure il finanziamento di quei famosi quaranta milioni da parte di Unicredit per gestire mercato della nuova società a stelle e strisce. Gli americani sono di fatto i proprietari della Roma, per il famoso closing bisogna aspettare i prossimi giorni.

Luis Enrique, dicevamo, arriverà: lo assicurano tutti coloro che lavorano per la nuova Roma e anche quelli che vivono l’ambiente catalano, a stretto contatto con l’allenatore asturiano, ora ex Barça. Arriverà oggi? Difficile. Da domani in poi ogni giorno sarà buono, però. E’ atteso a Roma per formalizzare il tutto e per prendere possesso della situazione, quando qualcuno finalmente avrà il potere di farlo entrare a Trigoria. «Guardiola e io abbiamo parlato della Roma e mi ha detto che è un club serio e che sarebbe un’ottima opzione per me. Arriverà? Stiamo trattando, e per tanto, dato che è una negoziazione non dirò nulla finché non sarà conclusa. Delle altre possibilità non parlo, magari non allenerò per dedicarmi alla mia famiglia e agli hobby. Quello che di sicuro non farò è rispondere alle speculazioni. Sono ancora in trattativa, e vogliamo portarla avanti con la massima discrezione possibile», parole di Luis Enrique, celebrato dal sito del Barcellona per la grande stagione nella Liga Adelante. «Siamo molto soddisfatti, primo perché abbiamo vinto contro una squadra che giocherà la Liga, e poi perché siamo la migliore ‘filial’ della storia del Barça».

Oggi Walter Sabatini – anche lui attende di essere ufficializzato per non agire solo da «libero pensatore» – ha in programma un viaggio a Milano, dove vedrà Sergio Berti, manager di Daniele De Rossi, per capire le intenzioni del centrocampista e quindi per buttare giù un nuovo accordo. E non è escluso che in queste ore il ds dei giallorossi incontri di nuovo Manuel Ferrer (già visto sempre a Milano la settimana scorsa per definire l’accordo di massima), legale e manager di Luis Enrique e di De la Peña: il contratto dell’ex giocatore della Lazio è particolare, visto che Luis vuole che ricopra un doppio ruolo, tecnico e dirigenziale. Un appuntamento che potrebbe essere l’ultimo, prima dell’arrivo a Roma del tecnico asturiano, quindi dell’annuncio con conseguente presentazione ufficiale. A proposito: si tende a farla quando anche Thomas DiBenedetto avrà pieni poteri e si farà vedere nella capitale insieme ai suoi collaboratori e soci, a partire da James Pallotta.

Luis Enrique nelle ultime settimane ha dovuto combattere con i suoi mille dubbi e anche con la moglie Elena, che vorrebbe restare in Spagna e non è (era) per nulla convinta di seguire il marito a Roma: spostare tre bambini piccoli (uno piccolissimo, poi) non è semplice e comporta un cambio di vita che in questo momento è complicato da sopportare, ma evidentemente la carriera del marito avrà la meglio. La signora Elena preferirebbe restare in Spagna, magari trasferirsi da Barcellona a Madrid. Ecco, Madrid. Ricompare per un attimo l’Atletico, che si sarebbe rifatto avanti prepotentemente. Joaquín Caparrós, l’indiziato numero uno per la panchina dei colchoneros sembra essere stato nuovamente scavalcato dall’ex allenatore del Barça B. Questo almeno è quanto sostiene il sito de El Mundo Deportivo con una notizia comparsa online ieri nel primo pomeriggio, dal titolo “Luis el favorito (per la panchina dell’Atletico, ovvio) la Roma, la otra opción” (al cinquanta per cento). Una sorta di doccia fredda da queste parti? Può darsi. E’ stato normale e facile chiedere conto di quello che è uscito in Spagna a chi Luis Enrique ha pensato di portarlo a Roma ed è convinto di esserci riuscito. «Senza avere certezze su niente e nessuno, quella notizia ad occhio e croce sembra una bufala», la risposta che arriva, appunto, da un pezzo della futura dirigenza romanista. Allora, tutto come prima. In attesa. Che Luis comunichi una decisione perché – come sostiene anche lui stesso – le società hanno bisogno di definire adesso quella che sarà la nuova stagione. “» .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy