Lamela torna a casa e dice: «Sono della Roma»

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – C. Zucchelli) – Torna a casa e scrive su Twitter: «Sono un giocatore della Roma. Per il mio cartellino sono stati spesi 14 milioni».

Nello specifico, 12 più 2 di bonus, oltre a tasse e commissioni varie che hanno fatto lievitare il costo dell’operazione a oltre 19 milioni Tanti, ma ben spesi, almeno secondo Sabatini, per un giocatore del talento di Erik Lamela. Ha lasciato Roma ieri mattina, il giorno prima si era dedicato allo shopping e a un giro tra i monumenti della città. È stato anche, ma di notte, a Fontana di Trevi e si è messo in posa come un ragazzo qualunque. Era al settimo cielo, il padre José, se possibile, ancora di più. E non vede l’ora di ritornare per indossare la maglia giallorossa. Intanto a casa se ne è portate due, una gialla e una rossa con sopra il nome di Totti. Sulla data del suo rientro non ci sono certezze. Dipende da come andrà il Mondiale Under 20 che Lamela giocherà con la selezione argentina in Colombia. Il 29 luglio c’è la gara inaugurale, il 30 agosto la finale: un mese intero col serio rischio di rivedere il giocatore a settembre.

La Roma gli ha dato la possibilità di partecipare, visto quanto Lamela ci teneva, ma spera di riaverlo a disposizione prima possibile per poterlo integrare nel gruppo e farlo conoscere di persona a Luis Enrique. Quando tornerà lo farà di nuovo con la famiglia, che sarà sempre al suo fianco nei primi mesi romani. Anzi, non è escluso che i genitori possano anticiparlo nel rientro nella Capitale per cercare casa.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy