La Spagna rischia. Vola col romanista

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – F.Bianchi) – Una pura formalità? Per niente, se c’è di mezzo la Bielorussia, che sembra giocare con la dea bendata sulla spalla. La Spagna domina ma va sotto, recupera all’ultimo respiro e poi stende i miracolati, col solito Adrian Lopez, nei supplementari.

Troverà in finale la Svizzera, che ha fatto una faticaccia a battere la Repubblica Ceca, arrivando fino ai supplementari pure lei. Così non ci sarà la sfida nella sfida: il derby di Roma tra il neo giallorosso Bojan e il laziale Kozac. Che Spagna Una finale senza i baby fenomeni spagnoli sarebbe stata una beffa, per loro e per il calcio. Hanno tirato 20 volte in porta contro 2, il possesso palla sarà stato di 70 a 30, ma sono riusciti ad andare in svantaggio per una girata di Voronkov: il pallone è sbucato tra una selva di piedi senza che De Gea potesse vederlo. E’ successo a fine primo round. E la Bielorussia, arrivata in Danimarca dopo aver battuto l’Italia allo spareggio (ricordate l’incredibile rimonta da 0-2 con l’erroraccio di Mannone?) e che è sbarcata in semifinale con solo 3 punti grazie alla differenza reti, ha creduto al miracolo. Ma poi la Spagna si è scatenata, come un toro alla festa di san Firmino, ha paradossalmente giocato meglio una volta in svantaggio, e solo uno strepitoso Gutor è riuscito a tenere in piedi le speranze fin quasi alla fine. Milla ha cambiato le fasce (dentro Capel e Jeffren), ha inserito Bojan (che ha contribuito alla vittoria) e a un certo punto ha giocato con un 4-1-4-1 con Javi Martinez in mezzo alla difesa. Che spettacolo vedere tanti piedi buoni alla ricerca del pari. Spinta dal sontuoso Thiago Alcantara, La Spagna ha trovato il pari con Lopez, che sta all’Under come Villa sta alla nazionale, a un minuto dalla fine. Gran tocco in area sul cross di Capel pescato da Thiago. Poi Lopez ha fatto il bis nei supplementari con una zuccata per il suo 5 ° gol all’Europeo. E Jeffren, cannonata fa fuori area, ha chiuso i conti. Muscoli e poco più Se Spagna Bielorussia è stata un Red Bull, Svizzera-Repubblica Ceca è stata una camomilla. Poche emozioni, tanti muscoli, qualche lampo di classe e fantasia dello svizzero Shakiri. Gli elvetici, che avevano chiuso a punteggio pieno il loro girone, ci hanno provato di più e alla fine sono stati premiati, col bel gol di Memedi nel secondo supplementare. In questo Europeo, è la finale «footbally» correct.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy