La Roma oggi torna al lavoro

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – P.Bruni) Dopo i due giorni di riposo concessi dalla staff tecnico, oggi la Roma torna ad allenarsi a Trigoria.

Niente più montagne e temperature vivaci: Riscone di Brunico è un solamente un piacevole ricordo. Ora le attenzioni si spostano sui prossimi impegni che la squadra dovrà affrontare: la prima gara ufficiale è fissata per il 18 agosto, data in cui i ragazzi di Luis Enrique esordiranno nel match d’andata dei playoff dell’Europa League (sorteggio a Nyon, il 5 agosto). Prima, però, sono in programma due amichevoli internazionali, entrambe lontane dall’Olimpico: mercoledì a Budapest contro il Vasas Sport Club, per il centenario della società ungherese e il 12 agosto, in Spagna contro il Valencia. Sfide dal differente coefficiente di difficoltà, studiate appositamente per permettere ai giallorossi un approccio graduale alla nuove metodologie di lavoro tattico introdotte dall’allenatore asturiano, misurarne i miglioramenti e, contemporaneamente, valutare quali giocatori includere nella rosa della stagione che sta per iniziare.

Durante le quasi due settimane di ritiro, alcuni dei giocatori considerati in esubero, pur non seguendo i compagni fra le valli altoatesine, hanno lavorato al “Fulvio Bernardini”. Okaka, Fabio Simplicio e Barusso sgobbano e sudano in attesa di trovare una sistemazione: non rientrano più nei piani della società e, in particolare gli ultimi due, in caso di partenza libererebbero un posto da extracomunitario. Questo pomeriggio, però, saranno i gioielli della campagna acquisti condotta da Walter Sabatini a catalizzare la stragrande maggioranza delle attenzioni: Jose Angel, Bojan, Heinze e molto probabilmente anche Stekelenburg, inizieranno a prendere confidenza con quella che sarà la loro nuova casa. Visiteranno il centro tecnico, faranno conoscenza con le persone che quotidianamente ci lavorano, si rinfrescheranno nella piscina adiacente al bar e, ovviamente, avranno modo di fare stretta “amicizia” col traffico della Capitale. L’arrivo di Lamela, invece, è subordinato ai risultati che la sua Argentina otterrà al Mondiale under 20 che si sta svolgendo in Colombia. L’ex stella del River Plate esordirà stanotte a mezzanotte e mezza (ora italiana) contro il Messico per poi vedersela, a distanza di due giorni, con Inghilterra e chiudere il girone F con la cenerentola Corea del Nord. Se la “Seleccion” dovesse raggiungere la finalissima del 20 agosto, “El Coco” molto probabilmente sarà a disposizione di Luis Enrique soltanto a fine agosto e, nel caso, entrare nella lista dei convocati per l’esordio casalingo della Roma: l’11 settembre col Cagliari di Donadoni. Al contrario, in caso di eliminazione anticipata, Lamela accelererebbe lo sbarco nella città eterna e potrebbe far parte del gruppo scelto per andare a Bologna (28 agosto, ore 20.45) a cercare i primi tre punti della nuova stagione. Calcoli e pensieri che, comunque, ancora non assillano la mente dei tifosi. L’obiettivo, al momento, è vedere crescere, giorno dopo giorno, la creatura di Luis Enrique.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy