La Roma ha il sì di Lamela. Ora serve l’okay del River

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – M.Cecchini) – Se due giorni fa Roma non avesse visto consumarsi il 21 ° delitto dall’inizio dell’anno, potremmo parlare a cuore leggero d’intrigo e agguati. Invece visto che raccontiamo della leggerezza di una palla che rotola, definiamo la quotidianità giallorossa — diciamo così — emozionante.

Due sono i punti cardine delle ultime ore: Eric Lamela sempre più vicino (nonostante i reciproci dispetti con l’Inter) e Franco Baldini ancora più «diluito» nella sua operatività fino a giugno. Baldini part-time Cominciamo da qui, cioè dall’accordo che il g. m. della Nazionale inglese ha trovato con la Federazione prima di assumere a tutti gli effetti il ruolo di d. g. della Roma. Fino ad ottobre Baldini potrà lavorare per i giallorossi solo nel tempo libero, dall’autunno in poi invece entrerà in regime di part-time fino alla fine della stagione. Non una buona notizia per una società che ancora stenta a trovare una stella polare. In volo per l’Italia. Sorrisi, invece, giungono dalla vicenda Lamela. Dall’Argentina danno la trattativa conclusa sulla base di 12 milioni più bonus, ma la realtà è più complessa. Sabatini ha l’accordo col giocatore (circa 1,5 milioni a stagione) e il River, retrocesso, ora ha necessità impellente di monetizzare per fare acquisti, visto che la prossima settimana sta per ricominciare a lavorare. E allora, esclusa l’ipotesi di lasciarlo un anno in Patria, le limature riguardano l’importo (la Roma vuole scendere a 10) e la volontà degli argentini di mantenere parte del cartellino (10-20%) per future cessioni. Comunque è giunto a Roma il legale Daniel Crespo e oggi si vedrà con Sabatini per cercare l’accordo, mentre dall’Argentina danno per certo che oggi lo stesso Lamela sbarchi in Italia col padre. Vertice con Luis Enrique. Ma occhio all’Inter, che non intende mollare, soprattutto dopo che i giallorossi due giorni fa aveva tentato un rilancio col Velez per Alvarez. I nerazzurri l’hanno presa come uno sgarbo e così continuano a strizzare l’occhio al River per il dopo Sneijder. Non a caso ieri Sabatini ha provato a depistare: «Non capisco l’accelerazione di queste ore, ma lui è giusto per il progetto. Bojan e J. Angel? Vanno solo definiti. Vucinic? Se vuole andare non posso fare barricate» . Detto che Doni è in partenza per Liverpool, c’è da segnalare il vertice di domani con Luis Il ds: «Giusto per il nostro progetto» . Baldini fino a giugno farà solo il d. g. part-time. Enrique. Poi Sabatini potrebbe partire per l’Olanda per Stekelenburg, senza però voler fare follie. Titoli di coda sulla frecciata di Ranieri alla gestione bicefala della Roma: «Troppi proprietari. L’esperienza mi ha insegnato che le società si fanno in numero dispari e 3 sono troppi» . A UniCredit e DiBenedetto saranno fischiate le orecchie.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy