Juve, non solo Aguero. Conte chiama Vucinic

di Redazione, @forzaroma

(La Stampa) Come un alettone mobile di Formula Uno, da esterno sinistro Mirko Vucinic pare uno dei pochi capaci di variare l’assetto della Juve: tale da inclinare un normale 4-4-2, nel 4-2-4 che sta progettando Antonio Conte.

Tatticamente, pure più decisivo di Sergio Aguero, lasciando per un attimo da parte i valori assoluti dei giocatori. Per questo, Beppe Marotta e Fabio Paratici, gli uomini dello shopping bianconero, l’hanno sempre sulla lista.

La cattiva notizia, per loro, è che il montenegrino costa, almeno 18 milioni di euro, quella buona che l’Inter, concorrente nell’acquisto, non può più imbastire lo scambio con Viviano, perché la Roma ha le mani sul portiere dell’Ajax, Maarten Stekelenburg. Di baratto, avendo messo da parte i contanti per «El Kun», stanno ragionando anche dentro casa Juve: tanto da rivalutare la posizione di Claudio Marchisio, fin qui sempre timbrato come incedibile. Nel caso, il mestiere di Vucinic in bianconero sarà quello di esterno sinistro, pur in versione iper offensiva.

Su questo, Conte sarà molto chiaro, come lo è sempre quando parla con i giocatori, poco prima dell’acquisto, lo stesso che aveva fatto con Lichtsteiner. In sintesi: se il montenegrino è pronto per la missione bene, altrimenti, tanti saluti. I bianconeri sono ottimisti, perché sul versante mancino Vucinic ci ha già giocato con Luciano Spalletti, anche se il sistema di gioco era differente (4-2-3-1): poco male, si osserva, visto che l’allenatore bianconero mai gli chiederà di rientrare a fare la diagonale, cioè il quinto difensore. Marotta, al solito, si tiene un piano B, e anche uno C. La prima alternativa è Eljero Elia, 24 anni, attaccante esterno dell’Amburgo, cui la Juve diede più di un’occhiata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy