Inter-Vucinic a fari spenti

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – P.Guadagno) – In attesa di un ulteriore in­contro con il Genoa, previsto per oggi, in casa nerazzurra salgono le quotazio­ni di Vucinic. E’ vero che al momento resta Palacio il favorito per soddisfare la richiesta di un esterno offensivo ma­nifestata da Gasperini, ma l’attaccante montenegrino non può essere conside­rato una semplice alternativa.

Tanto più che proprio il tecnico interista è un suo grande estimatore. Occhio, però, perché sullo sfondo c’è sempre Ricky Alvarez, che nel Velez è abituato a par­tire largo per poi accentrarsi e potreb­be farlo anche con la maglia nerazzur­ra indosso. Se poi Gasperini dovesse virare verso il 4-3-3, al­lora Alvarez avrebbe le ca­ratteristiche per trasformarsi in un elemento uti­le anche per la linea mediana. Peraltro, il procuratore di Alvarez, ovvero Simonian, è lo stes­so di Banega e di Pastore, altri due ele­menti (e altri due argentini) finiti in tempi più o meno recenti in orbita in­terista. Pare, tra l’altro, che ieri ci sia stato un nuovo contatto tra l’agente e gli uomini di mercato nerazzurri. E un indizio in questo senso arriva pure dal­l’Inghilterra, dove sono convinti che, per Alvarez, l’Inter sia ormai in van­taggio sull’Arsenal.

SVOLTA IN ARRIVO -Come anticipato, co­munque, per oggi, nelle agende di In­ter e Genoa è previsto un incontro, con argomento principale costituito dalleeventuali contropartite tecniche da in­serire nell’operazione Palacio. Dopo Pandev e Viviano, nelle ultime ore è balzato fuori il nome di Mariga («Piace a Preziosi e il Genoa sarebbe una destinazione gradita», ha detto a Sky il suo agente Pastorello) e sembra pure quello di Muntari. Da escludere che l’operazione possa essere messa in piedi solo per denaro, anche se il club rossoblù proverà a giocarsi pure que­sta carta. Ad ogni modo è chiaro che, qualora l’operazione dovesse prende­re una piega favorevole, verrebbe im­mediatamente coinvolto anche l’entou­rage dell’esterno argentino. I suoi pro­curatori, infatti, sono in Italia e ieri hanno perfezionato il rinnovo del contratto di Crespo con il Parma. Superfluo sottolineare come raggiungere l’in­tesa con Palacio sareb­be l’ultimo dei proble­mi.

SCENARI ROMANI -Intan­to, sotto traccia, in casa nerazzurra si lavora anche su Vucinic. Tanto più che sono diversi i giocatori che interesse­rebbero alla Roma e che potrebbero essere coinvolti in uno scambio. Al di là di Viviano, che rientrerebbe in gio­co solo nel caso in cui dovesse saltare Stekelenburg, gli altri nomi sono quel­li di Santon, Thiago Motta («Vuole ri­manere a Milano, vediamo se anche l’Inter è d’accordo. Se dovesse andare via, però, la prima scelta sarebbe la Roma», ha fatto sapere il suo agente Canovi atuttomercatoweb)e dello stesso Pandev. E’ vero che quest’ulti­mo ha un passato laziale, ma proprio nelle sue stagioni biancocelesti Sabati­ni ha avuto modo di apprezzarne le qualità e non se n’è dimenticato. L’osta­colo semmai sarebbe l’ingaggio troppo consistente del macedone, che arriva a percepire ben 3,5 milioni di euro.«Non ne so nulla- ha detto a romanews.eu Pallavicino, il procuratore di Pandev -Se e quando succederà qualcosa e l’In­ter mi farà sapere di questa possibili­tà ne parleremo». Non sembra proprio una chiusura.

VOGLIA DI ALVAREZ -Rimane comunque d’attualità anche il nome di Alvarez (che ha un importante estimatore nel presidente Moratti), soprattutto se do­vesse essere confermato quanto emer­so dalle relazio­ni degli osser­vatori nerazzur­ri. Vale a dire la sua predisposi­zione a giocare in posizione più arretrata, da centrocampista puro. Difficile che lo possa fare in un 3-4-3, più sem­plice invece in un 4-3-3. Di certo, per portare via Alvarez dal Velez ci voglio­no più di una decina di milioni di euro: se il club ne mettesse sul piatto una quindicina sbaraglierebbe qualsiasi concorrenza.

CAMBIASSO STOP -Tirri, infine, rappre­sentante di Cambiasso, ha voluto chiu­dere ogni discorso rispetto al corteg­giamento del Galatasaray di Terim:«Non ho particolari commenti da fare, ma mi sembra abbastanza evidente quanto sia difficile che Cambiasso possa lasciare l’Inter».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy