Ecco Mr Tom. Viene per firmare

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – D.Galli) DiBenedetto viene oggi, il closing slitta, ma l’accordo si fa. Da no news siamo passati a good news.

Pare tornato il sereno, l’As Roma sta per finire sotto il controllo della cordata americana. Ecce Tom. Eccolo. DiBenedetto dovrebbe atterrare questa mattina verso le 7.40 a Fiumicino. È un segnale decisivo. Vuol dire che ci sono le condizioni giuste per chiudere l’operazione, quello che in gergo è chiamato deal. Sia i manager di Unicredit, sia Sean Barror e Mark Pannes, gli uomini del Raptor Evolution Fund, il fondo di investimenti di Pallotta, stanno tenendo dei ritmi di lavoro impressionanti pur di tentare di non dilatare ulteriormente i tempi del deal. Non si contano le conference call tra Roma e Boston. Due giorni fa, DiBenedetto e il deputy Ceo della banca Paolo Fiorentino si sono confrontati fino alle 3 del mattino.

L’intenzione di tutti è di arrivare a una positiva conclusione di una trattativa decisamente complessa. L’ultimo ostacolo è rappresentato dalla necessità di rivedere il piano biennale di finanziamenti per il club. La ricapitalizzazione prevista di 35 milioni non basta assolutamente, l’impegno economico andrà quantomeno raddoppiato. La ripartizione, stando agli accordi siglati il 15 aprile a Boston, dovrebbe restare invariata: il 60% a carico degli americani, il 40% di Unicredit.

C’è un’ipotesi: le parti potrebbero trovare un punto di incontro sui tassi di interesse del maxi finanziamento da 40 milioni concesso da Piazza Cordusio. Ribadiamo: è un’ipotesi. Ma quando si firma? O meglio: quando firma DiBenedetto? L’avvocato Cappelli, presidente ad interim del Consiglio di amministrazione dell’As Roma, alla presentazione dei calendari della Serie A aveva confermato la data di oggi. Salvo poi aggiungere, però, che «lo slittamento di qualche giorno non sarebbe un dramma». E slittamento dovrebbe essere. In un comunicato atteso questa mattina, prima dell’apertura della Borsa, dovrebbe essere annunciata la data del closing. Che dovrebbe essere il 2 agosto. Martedì prossimo.

In tempo utile quindi per il Cda della banca, che il giorno dopo si riunirà per approvare la semestrale. Lo sbarco di DiBenedetto dovrebbe far sentire più tranquilli i tifosi della Roma. È un uomo d’affari, non ha tempo da perdere. Viene per il lieto fine. Saranno giorni di intenso lavoro per il futuro presidente. Potrebbe concedersi un unico momento di svago domani alle 15.30: sul diamante dell’Acquacetosa si gioca Urbe Roma-Reggio Emilia. È baseball, è lo sport del figlio Thomas, interbase della squadra emiliana. Chissà che DiBenedetto, tra una discussione e l’altra, non decida di regalarsi un break.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy