Da Stekelenburg al serbo Brkic, mezza serie A cerca il suo n.1

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica-C.Cito) Prendete il Genoa, Eduardo e la sua ultima, terrificante stagione: il miglior numero 1 di Sudafrica 2010 incapace di tenere lontano dalla sua porta anche palloni innocui. 

Sbagliare portiere cambia una stagione e la cambia senza appello. E prendete, ora, i sei rigori parati da Handanovic: quanti punti ha guadagnato l’Udinese così, con il lunghissimo sloveno a presidiare i sette metri di porta? Decisivi, nel bene e nel male, i portieri stanno agitando i sonni di mezza serie A. C’è chi ne vuole un altro, chi non si accontenta del proprio, chi ha paura di perseverare in antichi errori. Nove squadre su 20 confermeranno il loro estremo difensore. Undici porte della prossima serie A sono ancora vuote. Quattro italiane su sette potrebbero andare in Europa con portieri nuovi di zecca.

A Roma, ad esempio, è buio totale. Il ds Sabatini è innamorato di Stekelenburg dell’Ajax, ma non vuole svenarsi: 8 milioni è il prezzo ritenuto equo dalla Roma, che prima però deve scaricare la folta compagnia di numeri 1 attualmente sotto contratto, Doni, Julio Sergio, Lobont e Curci. Non è ancora sfumata l’ipotesi Viviano, ma, dopo l’incredibile pasticcio delle buste costato il cartellino dell’ottimo numero uno al Bologna, adesso è dura scucire all’Inter la riserva azzurra di Buffon. Il Milan ha riscattato Amelia dal Genoa per venderlo: il giocatore vuole solo la Roma, Luis Enrique però non è convinto e il prezzo, inoltre, non sarebbe dei più accessibili.

Sul fronte laziale la ricerca è ancora in alto mare: Muslera è partito per il Galatasaray. Se oggi salta Marchetti (costa 5 milioni), Lotito proverà con Sirigu, ammesso che il Palermo voglia sedersi a trattare.
L’incertezza regna sovrana a Firenze, dove è probabile l’addio a Frey, ma non è sicura la conferma di Boruc, molto richiesto in Inghilterra. Mihajlovic potrebbe lanciare il giovane brasiliano Neto. Come al solito è Preziosi,
però, ad alzare le onde del mercato. Liquidato Eduardo
, «è un ottimo portiere, ma ogni anno con lui vanno messe in conto quattro, cinque papere», scartato Julio Sergio, il Grifone è ancora a porta vuota. E presto, nelle stesse condizioni potrebbe ritrovarsi l’Udinese, soprattutto se l’approdo di De Gea al Manchester United rimettesse l’Atletico Madrid sulle piste di Handanovic. Il Cagliari non è più certo di Agazzi, il Bologna è a un passo da Gillet, sul quale anche il Siena aveva gli occhi. I toscani vireranno sul 25enne serbo Brkic, una scommessa assoluta. Il Napoli ha preso Rosati dal Lecce per la panchina, i giallorossi stanno chiudendo con la Reggina per Puggioni. E chissà se alla fine non si muoverà anche Storari, che ormai sente stretto il ruolo di vice- Buffon alla Juve. Dovesse accadere si aprirebbero nuovi scenari e tutto, probabilmente, nel domino dei numeri uno tornerebbe al punto di partenza

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy