C'è Totti, San Siro trema

di Redazione, @forzaroma

(D-News – V.Nasetti) La partita contro il Milan può essere quella della svolta», così si espresso il ds Sabatini a caldo dopo l’impegno contro il Genoa:

e in un momento così importante della stagione, quando si riaffaccia per l’ennesima volta la possibilità di rincorrere per il terzo posto, non poteva di certo mancare Francesco Totti.

Il capitano è tornato ad allenarsi ieri a Trigoria ed è pronto a prendere sottobraccio la squadra, cercando la 10ª vittoria personale contro i rossoneri, nello stadio dove ha segnato di più, lontano da Roma: ben 12 reti, 5 contro il Milan. Numeri che la dicono lunga su quanto la Scala del calcio possa ispirarlo. Sopratutto in una stagione come quella attuale ancora a secco di gol esterni: gli ultimi risalgono allo scorso 1° maggio, doppietta contro il Bari. Nel totale della sua carriera, invece, sono 97 i centri in trasferta, difficile arrivare sabato già a 100, ma ad alimentare i sogni dei tifosi romanisti c’è Abbiati.

Il portiere del Milan ha in Totti la sua personale bestia nera: 5 volte si è chinato per prendere un pallone scagliato dal capitano in fondo al sacco, in media una ogni 72′. L’ultimo risale al 20 dicembre 2006: Torino-Roma 1-2. Intanto, ieri a Trigoria, Luis Enrique è tornato ad analizzare con i suoi uomini alcuni difetti evidenziati nella partita contro il Genoa, ovvero la scarsa qualità del possesso palla avuta nel secondo tempo e più in generale la poca intensità espressa nel gioco. Pjanic è tornato ad allenarsi con il gruppo, ma per precauzione ha saltato la partitella: è fermo da due settimane per una lesione al bicipite femorale e ora ha soltanto due allenamenti a disposizione per convincere il tecnico.

C’è comunque ottimismo, oggi il giocatore proverà a svolgere l’allenamento per intero. Heinze e De Rossi, invece, hanno smaltito i postumi dell’impegno di lunedì e saranno al loro posto. Sponda Milan: c’è stanchezza e profonda delusione dopo i 120’ disputati a Torino in Coppa Italia. Tuttavia, Allegri conta di cambiare molto contro i giallorossi, grazie ai probabili ritorni di Robinho e Van Bommel, e quelli sicuri di Nesta e Boateng. Ok Ibra e Thiago Silva.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy