Castan. Il brasiliano d’acciaio alla corte di Zeman

di Redazione, @forzaroma

(Leggo – F. Balzani) – Dopo Neymar, è stato il turno di Riquelme.

Leandro Castan, prossimo a diventare il nuovo difensore della Roma, continua a stupire e durante la finale d’andata di Libertadores, giocata mercoledì notte a La Bombonera e terminata 1-1 tra il suo Corinthians e il Boca Juniors, ha fatto capire ancora una volta perché Baldini e Sabatini abbiano puntato fortemente su di lui. Se nella doppia sfida col Santos Castan aveva annullato la stella carioca Neymar, contro il Boca a pagare dazio è stato lo stesso Riquelme messo in difficoltà dai modi ruvidi del brasiliano che si appresta a diventare campione di Sud America e miglior difensore del torneo. Ma chi è Castan? Venticinque anni e fisico da gladiatore (1,84 x 80 kg), Leandro è nato a Jaú, città di 135mila abitanti dello stato di San Paolo. Dopo due stagioni all’Atletico Mineiro e una breve (e per niente intensa) esperienza all’Helsingborg è passato prima al Gremio Barueri poi nel 2010 al Corinthians. Le sue doti principali? Senso dell’anticipo, una buona visione e una particolare bravura nel gioco aereo oltre a un buon sinistro che Castan sfrutta sui calci piazzati. Un neo? Spesso si concede qualche licenza di troppo mettendo così in pericolo l’intera retroguardia. Un difetto che Zeman cercherà di aggiustare ma che Castan ha fatto vedere poco nelle fasi finali della Libertadores dove il Corinthians ha subito solo 2 gol in 7 partite laureandosi migliore difesa del torneo. Leader della retroguardia del Timao è stato proprio Castan diventato in breve tempo uno degli idoli, insieme a Paulinho, della tifoseria del Corinthians che ha anche lanciato una petizione online per evitare la cessione del difensore corteggiato nelle ultime ore anche da altri club europei. La Roma però si è mossa prima e ha bloccato da tempo Castan per una cifra vicina ai 5 milioni. Il suo acquisto potrà essere ufficializzato solo dopo il 4 luglio, a Libertadores conclusa. «Castan è pronto per la Roma, non ci sono dubbi – conferma l’ex-giallorosso Cerezo -. Ha una tecnica invidiabile e un fisico possente. Anche Dodò vi stupirà (che sarà ufficializzato martedì, ndr)».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy