Calcioscommesse. Si stringe il cerchio sulle tre gare di A

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport) La Serie A non può dormire sonni tranquilli. Ma i riscontri sulle tre partite sotto inchiesta per il calcio scommesse sono ancora da verificare.

E lo stesso vale per il coinvolgimento di cinque squadre, tra cui una medio-grande. I nomi sono venuti fuori nelle circa 4 ore di deposizione dell’odontoiatra Pirani davanti al gip Salvini. Tanti nomi Nell’occasione sarebbero state una cinquantina— se non di più— le squadre di A, B e Lega Pro citate nell’interrogatorio, spesso in modo colloquiale. Sotto esame certamente la partita Inter-Lecce 1-0, legata alla combine non riuscita (scommesse sull’Over) per cui aveva garantito l’ex portiere cremonese Marco Paoloni.

Non si è parlato invece di Genoa-Roma 4-3 o Catania Chievo 1-1. Così come è escluso che tra le squadre di livello grande omedio-grande siano mai state nominate Milan, Napoli e Lazio.

Il cerchio dunque si stringe. Lo stesso vale per i nomi dei giocatori coinvolti: sono stati considerati solo quelli citati nelle ordinanze di custodia cautelare. Resta da capire come mai l’attenzione degli inquirenti si sia soffermata proprio sulle famose tre partite e sulle cinque squadre su cui si cercano riscontri. Tanto da escludere un altro match, della scorsa stagione, che sembrava dovesse essere oggetto di indagine. Nel suo interrogatorio di venerdì Marco Pirani, l’odontoiatra di Ancona che stando ai documenti dell’inchiesta si vantava di avere rapporti con personaggi di primo piano, ha fatto menzione di fatti e circostanze importanti, confermando il quadro dell’accusa. Ma, come detto, per ora non ci sono riscontri certi sulle partite di A truccate.

RICERCA E non ha fornito conferme Massimo Erodiani, titolare di alcune ricevitorie di Pescara e figura chiave assieme a Pirani. Interrogato venerdì, dopo Pirani, sulla questione ha detto di non sapere. Entrambi saranno riascoltati (martedì Pirani, mercoledì Erodiani).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy