Cagliari-Roma 1-3, LE PAGELLE DEI QUOTIDIANI: il re è Destro, Nainggolan il professionismo oltre l’amore. Gervinho il vento

di finconsadmin

(redazione ForzaRoma.info)  Ecco i voti e le motivazioni assegnate ai giocatori della Roma da parte dei quotidiani presi in esame in riferimento a Cagliari-Roma 1-3.

 

 

IL MESSAGGERO pagelle a cura di A.ANGELONI

 

DE SANCTIS 6 Quel minimo di pressione del Cagliari non porta grossi pericoli. Si incarta solo alla fine, dando il la all’azione del rigore per il Cagliari, tra l’altro dopo unintervento decisivo su Dessena. Il resto è la brezza che gli arriva dal mare.

MAICON 6,5 Dei due terzini è l’unico attacca. A vantaggio consistente acquisito, pensa a gestire le forze.Una presenza fisica costante, specialmente nella prima frazione.

BENATIA 6 Solita forza e irruenza. Peccato per il “doveroso” fallo su Pinilla che fa prendere alla Roma il diciottesimo gol (il terzo in trasferta del girone di ritorno,ma ininfluente), si procura un infortunio muscolare.

CASTAN 6,5 Come il compare Benatia.Va a prendere chi scappa e non fa mai mancareil piedone o la testa su tutti i palloni.

ROMAGNOLI 5,5 Fa il terzino sinistro bloccato,un po’ sofferente nel presidio, quasi nullo nella ripartenza. Gioca solo un tempo,ma non bene come altre volte.

NAINGGOLAN 7,5 Frenetico e inconcludente per mezz’ora, poi dà il la al primo gol della Roma,lanciando la coppia Destro-Gervinho in campo aperto, e poi al raddoppio. Nonostante i sentimenti forti che lo legano alla Sardegna e a Cagliari, Radja fa il suo e anche di più. Determinato.

DE ROSSI 7 Non fa giocate che passeranno alla storia ma è disciplinato tatticamente sia in fase difensiva sia quando deve far ripartire l’azione. Non sbaglia un pallone.

PJANIC 6 Evidentemente è scritto da qualche parteche un giocatore dellaRoma debba appiccicarsi, a torto o a ragione,con Daniele Conti.Dopo aver subito una smanacciata, Mire si vendica con un fallaccio. Diffidato, ammonito, squalificato. Se ne poteva fare a meno, forse. Detto questo, con la palla al piede è sempre un incanto.

FLORENZI 6,5 Stavolta lavora più come centrocampista esterno che non come attaccante. Non si risparmia da ricorse che si rivelano preziose. Nota di merito per l’assist del terzo gol di Destro. Peccato per il giallo, che gli farà saltare l’Atalanta.

DESTRO 8 Prende aria per unamezzora, senza quasi mai toccare il pallone, rischiandoanche l’espulsione.Ma poi tre tocchi e tre gol: bim,bum bamcon sogno mondiale. Prima tripletta in carriera.

GERVINHO 7 Il Cagliari all’inizio prova a mettergli un tappo,ma riesce sempre a trovare qualche buco per fare male. In uno di questi serve l’assist per il primo gol di Destro (primadi aver fallito, lui, unpalla gol).

TOROSIDIS 6 Entra con la partita non in discesa, ma ormai in un burrone.

TADDEI 6 Porta a casa la 14? presenza.

BASTOS ng

GARCIA 7,5 Inventa una Roma contropiedista e espugna Cagliari dopo 19 anni. Applausi.

 

GAZZETTA DELLO SPORT pagelle a cura di M.CECCHINI

 

DE SANCTIS 6 Bravo su Dessena, rivedibile coi piedi.
MAICON 6,5 Difensore lui? La parte di gara che conta la fa da ala, e le sue avanzate si sentono.
BENATIA 6 Ha la macchia del rigore, ma soprattutto convive con l’ansia per l’infortunio non lieve.
CASTAN 6 Contro pirati sardi senza ardori, se la cava con atletismo e intelligenza.
ROMAGNOLI 5,5 Sul suo binario il Cagliari osa e lui ringhia fin troppo, così Garcia lo sostituisce.
TOROSIDIS 6 Entra nella ripresa e mette la sua esperienza per sigillare tutti i varchi.
NAINGGOLAN 7 I due passaggi in profondità che innescano le prime due reti di Destro sono il detonatore della vittoria: bastano per far morire di nostalgia i suoi ex tifosi (Bastos s.v.)
DE ROSSI 7 Oltre a smistare il gioco con naturalezza, davanti alla difesa è un frangiflutti.
PJANIC 6 Non brilla, però innesca l’azione del primo gol e si fa trovare sempre al posto giusto. Sarà squalificato (Taddei s.v).
FLORENZI 6,5 Mette il suo timbro con l’assist che vale il tris. Ammonito, sarà squalificato.
DESTRO 8 E’ rinata una stella. Occhio però alle manate e alle furbate: il codice etico di Prandelli non fa sconti. Sarà squalificato
GERVINHO 6,5 L’assist del primo gol è merito suo, così come il terrore che sparge in ogni ripartenza.
ALL. GARCIA 7 Una Roma chirurgica ha l’anima del suo regista, che ruota con intelligenza tutti gli interpreti.

 

 

CORRIERE DELLA SERA pagelle a cura di L.VALDISERRI

 

DE SANCTIS 6 Non si fa spaventare nei mischioni da calcio d’angolo o punizione. Rivedibile, ma lo si sapeva, con i piedi: il rigore del Cagliari, ma anche l’infortunio di Benatia, nasce da un suo rinvio imperfetto.
MAICON 7 Nella formula con Romagnoli è l’unico terzino che spinge. Lo fa spesso e con qualità. Una vera e propria ala che intimorisce dal 1’ al 90’ il connazionale Avelar.
BENATIA 6.5 Cancella Pinilla, ma, quando la gara è già finita, concede un rigore inutile e, soprattutto, si infortuna. Esce e la Roma finisce in dieci. Il rischio è uno stop non breve.
CASTAN 6.5 Il movimento di Nenè, nel primo tempo, è più fastidioso del gioco di posizione di Pinilla. Ma la produzione offensiva del Cagliari è quasi zero.
ROMAGNOLI  6 Serve soprattutto sui calci piazzati, quando il Cagliari invade l’area giallorossa con buoni saltatori. Prende un’ammonizione evitabilissima e Garcia lo cambia all’intervallo per non correre rischi.
DE ROSSI 7 Lopez gli piazza Cossu in marcatura a uomo, per cercare di limitarlo. Mossa inutile. DDR sbaglia pochissimo e fa sempre girare la squadra.
NAINGGOLAN 7.5 Emozionato? Sicuramente sì. Ma si scioglie nell’azione dell’1-0 velocizzando il gioco con il tocco per Destro che scoperchia la difesa del Cagliari. Si ripete con il 2-0, esce tra gli applausi di chi non l’ha dimenticato.
FLORENZI 6 Parte a destra e poi passa a sinistra, nella solita partita tattica. Non brilla, ma serve l’assist del 3-0 che chiude una gara mai veramente aperta.
PJANIC 6.5 Si infuria per un colpo maligno di Conti e cerca vendetta poco dopo facendosi ammonire (salta l’Atalanta). L’azione dell’1-0 parte da lui, facendo uscire il pallone «pulito» dall’area. Non fa tantissimo, ma con la classe di sempre.
GERVINHO 7.5 Sempre a modo suo, ma sempre decisivo con l’assist a Destro per l’1-0 e la «zingarata» che innesca il 3-0. L’assenza di Totti gli regala una pressione in più che l’ivoriano gestisce alla perfezione. Una fantastica realtà.
DESTRO 8 Segna l’undicesimo, il dodicesimo e il tredicesimo gol in campionato, rischia l’espulsione per un colpo ad Astori (Massa valuta male ma toglie la prova tv) e poi vede il giallo pesante (niente Atalanta anche per lui) per una caduta in area. Il Mattia Destro Show.
TOROSIDIS 6 Porta con grande dignità la sua chierica in giro per il campo, in un mondo di rasati e tatuati. La forza della normalità.
GARCIA 7.5 Sceglie il 4-2-3-1 e vince come a Milano contro l’Inter, con le ripartenze. Regista sopraffino di una squadra che ormai sa fare (quasi) tutto.

 

 

 

CORRIERE DELLO SPORT pagelle a cura di Rinaldo Boccardelli

De Sanctis 6

– Fa tutto bene fino all’ultimo minuto quando per fare le cose troppo arzigogolate consegna la palla al Cagliari al limite dell’area: paratona su Ibraimi, ma sulla respinta Benatia fa il fallo da rigore

Maicon 6

– Spinge quanto basta. Nel finale si rintana sulla destra in attesa del fischio finale.

Benatia 6

– Domina sul piano fisico, non su quello mentale. A tempo scaduto va a commettere un inutile fallo da rigore facendosi anche male. Un disastro in cinque secondi.

Castan 6,5

– Non sbaglia un intervento. Forse non avrebbe dovuto passare quella palla indietro a De Sanctis, ma il gol del Cagliari non è certo colpa sua.

Romagnoli 6

– Incolore e quasi fuori partita nel primo tempo. Quello non è il suo ruolo e lui fa ciò che può. Garcia lo sostituisce nella ripresa

Torosidis (1’st) 6

– Più a suo agio di Romagnoli. Fa il suo e anche di più: litiga con Gervinho per un pallone non dato.

Pjanic 6,5

– Buon primo tempo, va in calando nella ripresa come gli succede spesso, fino alla sostituzione.

Taddei (30’st) 6

– Ordine, geometrie e recupero palla. Poco più di un quarto d’ora per riconfermarsi giocatore prezioso in questo momento.

De Rossi 6,5

– Lucido, attento, tra i primi a scuotere la squadra dopo un avvio al cloroformio. Non è il miglior De Rossi della storia ma in questa Roma ci sta benissimo.

Nainggolan 6,5

– Emozionato e si vede. Qualche errore di troppo nel primo tempo ma la sua partita è in crescendo. Ripresa alla grande impreziosita dall’assist a Destro per il 2° gol.

Florenzi 6,5

– Corre per due. Pochi acuti nel primo tempo, assist al bacio e di prima per il terzo gol di Mattia Destro. Nel finale fa il centrocampista e all’occorrenza anche il terzino.

Destro 8

– Pronto per Prandelli. Centravanti vecchio stampo: dategli palloni dentro l’area e lui li trasforma in gol. Media reti spaventosa. Nessuno come lui. Grande rimonta in classifica cannonieri nonostante il suo campionato sia iniziato l’8 dicembre, alla 15ª giornata.

Gervinho 6,5

– Un assist vincente, corse e rincorse con qualche pausa. Giocatore fondamentale nelle strategie di Garcia.

All. Garcia 7

– Rinuncia a Totti ma stavolta il risultato non cambia. La Roma vince comodamente sfruttando cinicamente il contropiede. Ma il tecnico giallorosso dovrà intervenire sul piano disciplinare (troppi cartellini presi gratuitamente) e sul piano della concentrazione. L’episodio finale con l’infortunio di Benatia e il rigore al Cagliari è imperdonabile.

Massa di Imperia 5,5

– Direzione farraginosa. Il giallo a Destro non c’è, ma in realtà è una sorta di ritorsione perché pochi minuti prima c’era un arancione per il romanista. Qualche altra decisione discutibile. Sembrava quasi avesse la lista a memoria dei diffidati giallorossi che dal loro canto lo hanno aiutato a farsi ammonire.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy