Bandiere in panca. Dopo Pirlo l’apripista, la valanga: arrivano De Rossi e Cambiasso

L’ex centrocampista giallorosso ha rifiutato le offerte di alcuni club di Serie A, pare, per aspettare la Roma

di Redazione, @forzaroma

Dopo che il debuttante Pirlo alla Juventus ha fatto da apripista, è vicino il ritorno sulle scene come allenatori di altri due numeri uno del nostro movimento: Daniele De Rossi, il Capitan Futuro della Roma ai tempi di Totti, e l’argentino Esteban Cambiasso, il popolare Cuchu colonna portante dell’Inter del triplete 2010. Come Pirlo, scrive Paolo Ziliani su Il Fatto Quotidiano, anche De Rossi e Cambiasso potrebbero sedersi presto su panchine importanti senza aver fatto alcuna (o pochissima) gavetta. L’ex Roma ha 37 anni, e ha perso un po’ di tempo nel fine-carriera che lo ha portato a vestire, sia pur brevemente, la maglia del Boca in Argentina. Tutto ciò, aggiunto ai ritardi nei corsi dovuti al Covid, non gli ha ancora consentito di ottenere il diploma “Uefa Pro”; perciò ha rifiutato le offerte di Fiorentina, Cagliari e Crotone giuntegli di recente una dopo l’altra. Dicono però che il motivo dei suoi ‘no’ sia un altro: De Rossi aspetta la Roma. Oggi sta seguendo il corso combinato B-A a Coverciano per poter fare il secondo in serie A. Ma anche il primo (da allenatore ombra), purché un allenatore col patentino lo sostituisca nelle uscite ufficiali, tipo conferenze-stampa. Pirlo, Cambiasso, De Rossi: le bandiere in panchina. Aria nuova in Serie A? Aspettare per credere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy