Antei-Montini, Roma in finale

di finconsadmin

(Il Romanista – V.Meta) – Da Lecce a Pistoia: sei anni dopo, la Roma centra la finale scudetto battendo 2-0 il Genoa campione in carica. È Luca Antei l’uomo dei sogni, che con un colpo di testa scardina una partita che sembrava stregata, prima del sigillo di Montini allo scadere.

Domenica sera si torna a Pistoia, avversaria una fra Varese e Fiorentina, in campo stasera. Rispetto all’undici di partenza con il Milan, De Rossi ne cambia solo uno, inserendo Mladen (rientrato dagli impegni con l’Under 21 romena) al posto di Orchi al centro di una difesa completata da Sabelli, Antei e Frascatore. Solita regia di Florenzi e Viviani, sulla trequarti tocca ancora a Dieme, Ciciretti e Caprari dietro all’unica punta Montini. Risponde il Genoa con uno speculare 4-2-3-1: davanti a Perin, la linea difensiva vede Carlini e Polenta sulle fasce, Bertoncini e capitan De Bode al centro. In mediana il nazionale Under 18 Sturaro affianca il più esperto Doninelli, mentre sulla trequarti conferma per Piras (e non il nazionale Under 21 sloveno Jelenic) con Boakye e Alhassan. Davanti c’è l’ex Inter Samuele Longo. Parte bene la Roma, talmente bene che nel primo quarto d’ora il migliore del Genoa è Perin: al 2’ il portiere neutralizza un destro di Caprari, al 10’ vola a deviare sopra la traversa un sinistro violentissimo dalla lunga distanza di Viviani, mentre al 14’ dice di non ancora a Caprari, pescato da una grande apertura di Viviani, destro al volo parato a terra. I rossoblù si svegliano al 23’, cross di Doninelli, respinge con i pugni Pigliacelli.

Al 26’ altra grande occasione divorata dalla Roma: Perin respinge un sinistro di Ciciretti, la palla arriva a Dieme, che aspetta troppo e dà al portiere la possibilità di intervenire. Sul rovesciamento di fronte, finisce alto di un soffio un destro teso di Boakye. Nel finale Antei è provvidenziale nel deviare sul palo e poi in angolo un destro di Longo, che era andato via Mladen. Nella ripresa, Juric prova a giocarsi la carta Jelenic, ma è ancora la Roma a rendersi pericolosa, sinistro di Ciciretti, Perin non si lascia sorprendere. Al 19’ Frascatore mette in mezzo un bel cross per l’accorrente Ciciretti, sinistro messo in angolo da Polenta. A battere va Viviani, traiettoria precisa per la testa di Antei sul secondo palo, Perin vola a mettere fuori. Tre minuti dopo, il Genoa resta in dieci per il secondo giallo rifilato a Sturaro, De Rossi risponde inserendo Piscitella per Ciciretti, con Caprari dirottato al centro della trequarti. La partita sembra avviarsi verso i supplementari, ma a bucare la resistenza genoana ci pensa il migliore in campo per la Roma, Luca Antei, che a dieci minuti dalla fine arriva in paradiso con il colpo di testa che mette alle spalle di Perin un corner di Viviani. De Rossi si copre passando alla difesa a cinque (Orchi per Caprari), ma allo scadere Montini mette al sicuro i sogni con il sinistro di prima su assist di Piscitella che passa fra le gambe di Perin e manda tutti a casa. Unica nota negativa: a fine partita testimoni oculari parlano di scontri tra le due tifoserie. Un poliziotto sarebbe stato portato via a braccia.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy