L’ultima scivolata di Aldo Maldera. In paradiso

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – T.Cagnucci) Una tettoia di legno scuro dentro la Pineta di Fregene, come a proteggerlo ancora, mentre poco più in là e molto più in là la gente andava al mare. Non ha voluto disturbare nemmeno stavolta Aldo Maldera che non ha mai disturbato nessuno nemmeno per un attimo in tutta la sua vita. Un po’ di vento a carezzarlo ogni tanto prima di venir accarezzato per tutto il tempo della cerimonia dalla maglietta della sua Roma, che Bruno Conti ha appoggiato sopra la bara appena iniziata l’orazione funebre. Davanti alla sua foto quella della Madonnina col Bambino.

Tutto lieve, come pitturato. Anche l’ultima volta è stata come ha sempre vissuto. Con grazia, eleganza e senza rumore, e con le persone che lo conoscevano bene che piangevano. Pruzzo non ha mai smesso un attimo. Nela s’è tenuto gli occhiali scuri, poi è andato ad abbracciarsi il Bomber. Tancredi ce li aveva scoperti gli occhi coperti di lacrime.

A turno ha singhiozzato tutta la Roma campione: Tancredi, Nela, Conti, Pruzzo, Faccini, Superchi, Tessari, Colucci, Giorgio Rossi, Alicicco, Ettore Viola e c’erano anche Giannini, Desideri, Di Carlo, Buriani, Spinosi, e i compagni al Milan come Novellino, o quel gran signore di Felice Pulici. Tutto lieve. Pitturato.

Se n’è andato come ha vissuto. Con quella luce tenue che accompagna chi malgrado tutto sa essere soffice in fondo al cuore. Chi sa amare. Mite, buono, disponibile, virtù dei più grandi e dei più intelligenti anche se il mondo che fa schiamazzo racconta – meschino e mediocre – continuamente altro. Quando sono state citate le beatitudini è diventato tutto un po’ più chiaro: “Beati i miti perché possiederanno la terra (…) Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”.

Che ci si specchierà. Ma non basta a chi non potrà più vedere i suoi occhi buoni. Pruzzo non ha mai smesso di piangere, allora Nela è andato ad abbracciarselo come faceva dopo un gol della loro Roma di Aldo Maldera che davanti a loro in terra entrava in scivolata in Paradiso. Stavolta, però, per una volta farai rumore per far capire a chi ti vuol bene che stai soltanto più in alto di noi. Come sempre, d’altronde.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy