Ultimatum Pallotta: “I nostri obiettivi a rischio. Migliorare tutti e in fretta”

Ultimatum Pallotta: “I nostri obiettivi a rischio. Migliorare tutti e in fretta”

Il presidente della Roma interviene sulla crisi: “Abbiamo messo sul tavolo i nostri problemi. Non ci sarà più posto per chi non si impegnerà al massimo”

di Redazione, @forzaroma

L’ultimatum di Pallotta stavolta è arrivato forte e chiaro, come riporta Leggo, e senza sms equivoci: “Non c’è posto da noi per chi non si impegnerà a migliorare le cose”. Il presidente, al termine degli incontri avvenuti nel summit bimestrale con i dirigenti tra cui il ds Monchi, ha mandato un messaggio a tutte le componenti (e in primis a Di Francesco) visto l’andamento negativo della Roma in campionato: “Non credo ci sia bisogno di sottolineare che nessuno è soddisfatto dei risultati e delle prestazioni di questa stagione. Abbiamo affrontato in maniera aperta e onesta le problematiche da risolvere e tutti gli aspetti da migliorare con urgenza, al fine di raddrizzare la nostra stagione”.

Si è parlato di ciò che non è andato nel mercato estivo, e quindi dell’operato dello stesso Monchi, delle troppe cessioni, di cosa si potrà fare a gennaio e soprattutto del futuro in panchina. La posizione di Di Francesco, infatti, sarà determinata dalle prossime tre partite con Juve, Sassuolo e Parma ma già in caso di debacle a Torino potrebbe avvenire il cambio con Paulo Sousa. “Abbiamo parlato molto, in maniera diretta, tutte le questioni sono state messe sul tavolo. Il nostro unico obiettivo è di migliorare in tutto quello che facciamo e ci lavoreremo tutti insieme, a partire da me, passando per il consiglio di amministrazione, i dirigenti, Monchi, Di Francesco, il nostro staff tecnico, fino ad arrivare ai giocatori e a tutti i dipendenti. Insieme non abbiamo raggiunto gli elevati obiettivi che ci eravamo prefissati e che abbiamo provato a centrare nelle ultime stagioni. Tutto questo deve essere migliorato. Insieme stiamo lavorando per affrontare questi aspetti. Se qualcuno non si impegnerà a essere parte di questo sforzo collettivo, allora qui non ci sarà più posto per lui”.

Un avvertimento per tutti. Pallotta si è concentrato quindi sulla parte sportiva escludendo il discorso stadio dal quale comunque dipende l’impegno futuro del presidente americano duramente contestato in queste settimane dalla tifoseria. Di Francesco ha ascoltato le parole di Pallotta e qualche ora prima (martedì sera alla cena di Natale in Vaticano) non si era nascosto: “Colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti, per primi ai miei ragazzi che possano trascorrerlo sereno. Per riuscirci è fondamentale fare una grande partita sabato sera”. Poi è toccato a De Rossi: “Ci facciamo gli auguri anche tra noi calciatori, per tornare a essere felici in campo e invertire la rotta in campo”.
(F.Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy