Tor di Valle, dal 3 ottobre il piano servizi

Una tappa chiave, che durerà 6 mesi, in cui le commissioni consiliari e i dipartimenti regionali vaglieranno tutti gli aspetti legati al progetto del nuovo stadio della Roma

di Redazione, @forzaroma

Il progetto Tor di Valle arriva in Regione. Dopo due rinvii per mancanza di documentazione e (numerose) perplessità sul piano, il prossimo 3 ottobre si aprirà la conferenza dei servizi.

Una tappa chiave, che durerà 6 mesi, in cui le commissioni consiliari e i dipartimenti regionali vaglieranno tutti gli aspetti legati al progetto del nuovo stadio della Roma. In particolare finiranno sotto la lente d’ingrandimento della Regione aspetti da sempre poco chiari: dal problema legato al rischio idrogeologico allo spostamento del depuratore, passando per i trasporti (la Roma-Lido è il solo collegamento di mobilità pubblica per arrivare a Tor Vergata) e la rete viaria.

Ma il nodo fondamentale, quello su cui il piano rischia di arenarsi definitivamente è la variazione al Prg per l’edificazione di circa un milione di metri cubi di cemento: «Per il 3 novembre – spiega l’assessore regionale alle Politiche del Territorio, Michele Civita – è stata fissata la prima seduta della Conferenza dei Servizi decisoria che dovrà verificare l’iter della variante urbanistica legata al progetto (per questo motivo la Conferenza è di competenza regionale e non comunale, ndr.), che dovrà essere adottata dall’Assemblea capitolina e approvata entro il termine dei 180 giorni. Sempre nel termine dei 180 giorni dovranno essere espletate anche le procedure di Valutazione Ambientale Strategica e di Valutazione di Impatto Ambientale». Oggi incontro Pallotta-Zingaretti.

(S.Unica)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy