Stadio Olimpico, il bilancio sul piano viabilità. Modafferi: “Meno doppie file, deflussi più rapidi”

Parla il vice-comandante della Polizia locale: “Anche con lo stadio pieno, al massimo in venti minuti siamo nelle condizioni di far defluire tutti i tifosi, mentre prima i tempi erano di un’ora, anche un’ora e mezza”

di Redazione, @forzaroma

Al fischio d’inizio del campionato di calcio di serie A, sabato 20 agosto, la viabilità intorno allo stadio Olimpico era già rivoluzionata, rispetto allo scorso anno, con una nuova disciplina di traffico. Con divieti, fermate a largo raggio e tre aree di parcheggio dedicate alle auto: piazzale Clodio, viale XVII Olimpiade e viale Tor di Quinto. Niente più doppie file, niente parcheggiatori abusivi. Un piano messo a punto e gestito dalla Polizia locale. Raffaella Modafferi, vice-comandante del Corpo e dirigente del Gruppo intervento traffico, spiega gli effetti raggiunti in due mesi di applicazione della nuova disciplina. “I tempi di deflusso si sono ridotti moltissimo. Anche con lo stadio pieno, al massimo in venti minuti siamo nelle condizioni di far defluire tutti i tifosi, mentre prima i tempi erano di un’ora, anche un’ora e mezza, con un importante lavoro sulla viabilità: chiusure strade, fermi a vista e deviazioni. Ovviamente, il traffico congestionava le principali arterie di quel quadrante. Tutto questo ora non c’è più. Il nostro lavoro spesso si limita al deflusso dei pedoni per gli attraversamenti sulle strisce, o per le auto nei pressi dei parcheggi dedicati”.

Parliamo della sosta?
“I divieti di sosta sono applicati in modo rigoroso e hanno un effetto determinante per decongestionare il lusso di traffico durante gli eventi sportivi, inoltre sul piano dell’ordine pubblico è più alto il margine di sicurezza. In queste prime partite giocate all’Olimpico abbiamo elevato solo 150 sanzioni. Questo significa che anche i cittadini stanno comprendendo la nuova disciplina”.

Che attività svolgete per contrastare i parcheggiatori abusivi?
“Abbiamo delle pattuglie preposte a questo lavoro. Dall’inizio del campionato ne abbiamo sanzionati oltre 100, sequestrando il denaro, come prevede il codice della strada, con sanzioni a partire dai 700 euro”.

Quali sono i prossimi passi sul piano della viabilità all’Olimpico?
“Il 12 novembre, in occasione dell’incontro di rugby Italia-Nuova Zelanda, verrà applicato il piano utilizzato per il torneo Sei Nazioni, che comporta la combinazione tra mezzi pubblici, due ruote e auto, ma solo negli spazi consentiti”.

(P. Petrucci)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy