“Stadio, emergenza traffico”

“Stadio, emergenza traffico”

Bagarre in Consiglio comunale per la seduta straordinaria su Tor di Valle. L’opposizione: “Rischio paralisi viabilità”

di Redazione, @forzaroma

Proteste e polemiche incrociate durante il consiglio straordinario di ieri sullo Stadio della Roma a Tor di Valle. La seduta, che era stata annunciata dalla sindaca Raggi durante la presentazione dello studio del Politecnico di Torino sulla mobilità nell’area, è iniziata tra le critiche dell’opposizione che ha puntato il dito contro l’iniziale assenza della sindaca, arrivata poco dopo in Aula. Nel frattempo, sono stati due assessori, Luca Montuori e Linda Meleo, ad introdurre i lavori. Il primo ha rivendicato come nella revisione del progetto “non sia stato ridotto l’interesse pubblico, ma ampliato”.

La seconda ha ribadito che “lo studio del Politecnico di Torino ha confermato gli atti posti in essere dall’amministrazione, analizzati anche dalla conferenza dei servizi”. Completamente in disaccordo le opposizioni. Stefano Fassina (Sinistra x Roma) ha invitato la maggioranza a lasciar perdere in autotutela il progetto, perché “era e rimane impropria la localizzazione del business park a Tor di Valle”.

Ancor più critica l’ex pentastellata Cristina Grancio che ha bollato lo stadio come “una catastrofe per cittadini, dal punto di vista della legalità e per le casse del Comune”. All’attacco pure il capogruppo del Pd Giulio Pelonzi: “Le opere pubbliche tolte stravolgono il progetto. Non c’è più interesse pubblico”.

Mentre FdI ha tuonato contro le criticità nella mobilità: “Diventa quasi impossibile arrivare all’impianto sportivo e salvare il quadrante dal blocco totale”. La sindaca Raggi, invece ha spiegato che “Roma Capitale ha bisogno di grandi opere se utili per città. Quest’opera se ben condotta andrà a migliorare un quadrante sostanzialmente abbandonato, privo di opere. Il progetto punta a portare a Roma 800 milioni di investimenti privati e posti di lavoro”.

Nel frattempo l’ex capogruppo comunale del M5S Paolo Ferrara, che si era autosospeso dal Movimento dopo esser stato coinvolto nell’inchiesta che ruota attorno allo Stadio, ha annunciato dai social che la sua «posizione ormai da diverse settimane è stata definitivamente stralciata dall’inchiesta e quindi la Procura procederà alla richiesta di archiviazione. “Ho operato sin dall’inizio di questa consiliatura sempre per il bene della città e dei cittadini romani”, le sue parole. Durante la seduta sono stati bocciati tutti gli odg delle opposizioni: a votare contro sono stati tra i 18 e i 21 consiglieri di maggioranza. “Se si presentano con questi numeri al voto della variante urbanistica sullo stadio, non passerà”, il commento del dem Pelonzi.

(P.Lo Mele)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy