Se la Roma fosse regina d’Europa

In libreria il romanzo “Un sogno chiamato Roma” scritto da Romolo Buffoni

di Redazione, @forzaroma

Cosa accadrebbe se la Roma riuscisse a liberarsi dalle sfighe che a più riprese hanno colpito la squadra giallorossa? È ciò che Romolo Buffoni, già caposervizio dello sport di Leggo e ora al Messaggero, immagina nel suo romanzo Un sogno chiamato Roma.

La storia parte dal presente e arriva fino al 2027, con i giallorossi divenuti una corazzata europea e giunti in finale di Champions: Riccardo, il protagonista, parte con i suoi amici per l’appuntamento con la storia. Un romanzo ideale per i tifosi della Roma e non solo, grazie ai tanti riferimenti al mondo del calcio italiano.

Come è venuta l’idea di un romanzo un po’ distopico?
Sono partito da fatti e persone reali, plasmando il futuro con la fantasia. Nel libro Riccardo sconfigge il sortilegio del numero 7, nato dal cambio della data di fondazione dal 22 luglio al 7 giugno 1927. Per sviluppare la storia ho utilizzato una chat reale con alcuni amici, che ho coinvolto nella mia follia“.

Dopo l’occasione persa a Benevento, quante chance reali di Champions ha la Roma?
L’emergenza in difesa ha portato Fonseca a trascurare l’attacco. La Roma finora ha fatto il suo, ad eccezione del derby perso in malo modo. Napoli, Juve, Lazio e Atalanta hanno avuto incidenti di percorso e questo ha spianato la strada alla Roma, ma con il loro ritorno sarà dura difendere il quarto posto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy