Roma, gli ex assolvono Di Francesco: “Sono i giocatori a dover dare di più”

Roma, gli ex assolvono Di Francesco: “Sono i giocatori a dover dare di più”

Moriero: “Non credo sia lui il problema”, Nela: “Il pareggio con il Cagliari non è questione di panchina”

di Redazione, @forzaroma

C’è una Roma che crede ancora in Di Francesco. È quella degli ex calciatori giallorossi pronti a difendere la posizione del tecnico e, come riporta Leggo, a mettere al centro della critica l’atteggiamento della squadra che ieri ha iniziato il ritiro punitivo tra musi lunghi e silenzio. “Sto tutta la vita dalla parte di Eusebio. Non dimentichiamo che la Roma ha ceduto giocatori forti e si è ritrovato a lavorare con un gruppo nuovo formato da tanti giovani. Non credo sia lui il problema, in campo poi ci vanno i giocatori”, il parere di Francesco Moriero che ha però confidato di vedere bene Conte sulla panchina romanista (“Ci ho parlato, e l’idea lo stuzzica”).

In difesa di DiFra – che gode pure del supporto incondizionato di Totti – corre Sebino Nela: “Il pareggio con il Cagliari non è questione di panchina, una squadra come la Roma deve saper gestire una partita del genere: stiamo parlando di un doppio vantaggio, per giunta in superiorità numerica. Non riesco a dare troppe colpe a Di Francesco, in campo ci vanno i giocatori. La personalità o ce l’hai o non ce l’hai”.

Dito puntato quindi contro Manolas e compagni. Anche i tifosi non risparmiano critiche ai calciatori, ma hanno individuato in Monchi e Di Francesco i maggiori colpevoli. Giuseppe Giannini avanza una proposta: “I giocatori devono prendersi un po’ di responsabilità ed io insisto nel dire che andrebbero aperti i cancelli per far sentire da vicino i tifosi per costringere la squadra ad allenarsi a cento all’ora sempre, e dimostrare chi è uomo e chi non lo è, chi ha gli attributi e chi no. Altrimenti Di Francesco sarà sempre da parafulmine. Detto ciò a Cagliari ha sbagliato i cambi”.

Errori che rimarca pure Marco Cassetti: “Sicuramente ha sbagliato anche il tecnico, ma esonerarlo ora a cosa ti porterebbe? Avresti un nuovo allenatore come Sousa che magari all’inizio può dare lo scossone, ma i problemi resterebbero gli stessi”.

Proprio la mancanza di alternative credibili è uno dei motivi che ha spinto la Roma a confermare la fiducia (limitata) a Di Francesco. L’obiettivo è quello di poter arrivare a Conte a giugno tanto che ieri sono crollate pure le quote dei bookmaker: l’approdo dell’ex juventino è dato a 3,50. La permanenza per altri 6 mesi di Eusebio a 2,25. Molto dipenderà da ciò che accadrà da qui al 30 dicembre contro Genoa, Juventus, Sassuolo e Parma. Mentre la squadra era in ritiro, ieri Baldissoni ha inaugurato la nuova sede amministrativa all’Eur.
(F.Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy