Roma, c’è solo Di Francesco

Il tecnico a un passo dalla panchina giallorossa. Con lui dal Sassuolo Defrel e Pellegrini

di Redazione, @forzaroma

Il tempo degli auspici è finito. Con il passaggio ormai imminente di Spalletti all’Inter (forse già lunedì l’annuncio) la Roma deve chiudere le primarie, finora solo virtuali, dalle quali uscirà il nome del sesto allenatore dell’era americana. La scelta pare essere ricaduta su Eusebio Di Francesco col quale non sarà difficile trovare un accordo comprensivo anche dei 3 milioni di clausola da dare al Sassuolo (inseriti nella trattativa per Pellegrini e Defrel).

L’ex giocatore della Roma dello scudetto non pretende cifre da capogiro (sui 2 milioni a stagione) e ha dimostrato di saper lavorare bene coi giovani. “Sabato parlerò col presidente Squinzi. L’interesse della Roma? Sapete che ci sono delle possibilità”.

Tutto fatto quindi? La Roma smentisce di aver presentato un’offerta ufficiale, ma la strada conduce proprio verso Eusebio che, così come Spalletti per l’Inter, non era la primissima scelta di Monchi e Baldini. Nelle ultime ore però il Psg ha fatto capire che non libererà Emery il preferito dal ds. La decisione ufficiale del club parigino – nonostante lo scudetto perso e la figuraccia in Champions – è attesa dopo la finale di coppa di Francia contro l’Angers di sabato sera.

L’altro nome in corsa è quello di Paulo Sousa che a differenza di Di Francesco ha maggiore esperienza internazionale ed è già passato per una piazza calda come Firenze. Il portoghese piace molto a Baldini, ma ha la fama di essere un allenatore poco aziendalista e su di lui hanno messo gli occhi Porto e Borussia Dortumund. Alternative credibili, sfumato Valverde che sarà il nuovo tecnico del Barça, non ce ne sono anche se dal cilindro potrebbe uscire una sorpresa come Blanc o Giampaolo.

Tornando a Spalletti: il suo arrivo all’Inter spiana la strada a Sabatini (che sarà presto raggiunto anche da Massara) per cercare di portare a Milano pure Rüdiger e Emerson mentre sembra passato in secondo piano il nome di Manolas. Il tecnico è intenzionato a tenere una conferenza stampa la prossima settimana prima di svuotare per la seconda volta l’armadietto di Trigoria.

Monchi, invece, prosegue il lavoro in entrata e in uscita. Piace Krychowiak del Psg (scoperto proprio dal ds ai tempi del Siviglia) e non si molla la pista Papu Gomez messo però anche nel mirino dalla Lazio. Suggestiva e niente più la voce rimbalzata dalla Spagna (Mundo Deportivo) di un inserimento della Roma nella corsa a Di Maria. Il Torino, invece, ha chiesto Perotti che potrebbe rappresentare la contropartita per il riscatto di Bruno Peres (10 milioni). Questioni rinnovi: la prossima settimana incontri con gli agenti di De Rossi, Strootman e Nainggolan.

(F.Balzani)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 3 anni fa

    prospettiva terrificante, spero non sia vero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy