Rizzitelli: “Si azzera tutto, per Fonseca sarà un’occasione”

Rizzitelli: “Si azzera tutto, per Fonseca sarà un’occasione”

Il bomber all’Uefa: “Coppe da giocare in gara unica”

di Redazione, @forzaroma

Non vedo l’ora di riabbracciare la curva Sud“. L’ultima immagine di Ruggiero Rizzitelli è legata alla corsa prima del derby del 26 gennaio scorso.

Un momento commovente, di grande partecipazione. Oggi sembra lontanissimo. Senza campionato, con stadi e città vuote per il Coronavirus. L’ex attaccante anni ’90 (1 Bundesliga col Bayern, 1 coppa Italia e 1 finale di Uefa con la Roma) descrive i suoi giorni di isolamento: “Sto vivendo questa situazione come tutti gli italiani, con un’ ansia mai provata. Ma non perché resto a casa eh, quello va fatto e basta. Ai nostri nonni veniva chiesto di andare in guerra, a noi di stare a vedere film. Sono preoccupato per i nostri cari” dice Rizzitelli intervistato da Francesco Balzani su Leggo.

Lo è meno per le sorti del campionato che – dopo l’ufficialità dell’annullamento dell’Europeo – riprenderebbe a maggio. “Tutto dipenderà dal virus, ma se ci sono le possibilità va fatto anche per non rovinare la stagione successiva. Però va data una scadenza: si può finire non oltre la prima metà di luglio altrimenti diventa impossibile programmare la preparazione. E’ una decisione che va presa senza interpellare nessuno, perché ognuno qui ha i suoi interessi. Io chiedo una cosa all’Uefa: faccia giocare le gare europee in gara secca e campo neutro. E prenda la decisione da sola“.

Per Rizzitelli decisivo, dopo due mesi di stop, sarà il lavoro dei preparatori:Partiranno tutti allo stesso modo, ma un peso importante l’avranno i preparatori atletici. Bisogna cambiare lavoro per giocare un minicampionato da 12 giornate. I giocatori dovranno lavorare sulla rapidità, sulla breve distanza. Il lavoro a casa è importante, ma non è facile rispettarlo“.

Vantaggi o svantaggi per la Roma che magari potrà sfruttare un calo dell’Atalanta dei miracoli? Ecco la risposta di Rizzi-gol: “Si azzera tutto, è come se ricominciassi un campionato quindi anche a livello mentale può essere un vantaggio. Recupererai qualche giocatore, ma questo vale per ogni club. Tutto il resto è una incognita, una cosa così non si era mai vista. Sarà un campionato nuovo”.

Infine la promessa: “Tornare sotto la Sud quando tutto sarà finito? Ma magari me lo chiedono, non ci penso un attimo. E’ stata una emozione unica sentire quel coro, quell’affetto. Non vedo l’ora di poter riabbracciare tutti, stringiamo i denti“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy