“Lazio prima squadra della capitale”, la Raggi fa infuriare i tifosi

“Lazio prima squadra della capitale”, la Raggi fa infuriare i tifosi

La sindaca sotto tiro dopo la frase pronunciata alla festa per i 120 anni del club biancoceleste

di Redazione, @forzaroma

La Lazio è la prima squadra della capitale“. A dirlo non è stato Lotito o Immobile, ma il sindaco di Roma Virginia Raggi.

Una frase che ha raccolto i consensi della sponda laziale ma pure le critiche di quella romanista, scrive Francesco Balzani su Leggo. La Raggi ha sempre confessato di simpatizzare per la Lazio e di avere tutta la famiglia tifosa del club di Formello, ma raramente si era lasciata andare in questi anni a dichiarazioni di parte. Anzi i tifosi biancocelesti qualche mese fa l’avevano criticata per la sua presenza all’inaugurazione della nuova sede amministrativa della Roma all’Eur.

Due giorni fa la Raggi si è fatta “perdonare” con un discorso sul palco molto sentito nel corso dei festeggiamenti per i 120 anni della Lazio a Castel Sant’Angelo: “Il 9 gennaio del 1900 nasceva la prima squadra della Capitale, dobbiamo dirlo. Ci sono stati anche gli scudetti, uno l’ho vissuto anche io ed è stata una grandissima emozione. Ci sono anni in cui si corre di più e quelli in cui si rallenta un po’. Giorni in cui si vince e giorni in cui si impara. Quest’anno ci sta regalando una serie di successi. Abbiamo visto belle giornate e belle vittorie. Ora siamo reduci da un’altra vittoria importante, quella della Supercoppa. Il campionato… non si dice, ma ci sta dando qualche soddisfazione. Questa stagione è iniziata con il piede giusto. Io, come sindaco di Roma, non posso che augurarmi il meglio“.

Parole che non sono passate inosservate. In tanti hanno scritto commenti decisamente negativi sulle varie pagine social della sindaca invitandola a risolvere il problema spazzatura anziché fare la tifosa. Anche nelle radio i tifosi romanisti hanno fatto sentire il loro disappunto per le parole della Raggi. (

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy