La Roma verso la svolta: Monchi lunedì da Pallotta

La Roma verso la svolta: Monchi lunedì da Pallotta

Contro il Genoa partita decisiva per Di Francesco, ma la fine del ritiro è un segno di sfiducia

di Redazione, @forzaroma

La resa di Monchi non c’è, ma quella dei conti per il ds sembra arrivata. Lunedì, infatti, lo spagnolo è atteso a Boston da Pallotta insieme ai dirigenti Fienga e Calvo. L’incontro, che durerà due giorni, è programmato da tempo ma è inevitabile che le ultime sventure cambieranno il tono del faccia a faccia. Il presidente, infatti, è decisamente infastidito per l’andamento della squadra e ora pretende da Monchi delle spiegazioni. In primis su Di Francesco, che Pallotta avrebbe esonerato già dopo la sconfitta di Bologna. Una decisione a caldo che forse avrebbe risolto i problemi con un po’ d’anticipo.

Monchi, invece, si è messo a difesa del tecnico assicurando che la situazione sarebbe cambiata da lì a breve. E invece è peggiorata. A fine stagione anche la situazione dello spagnolo potrebbe essere riconsiderata visto che a Trigoria ci sono già due ds: Massara e De Sanctis. Pallotta nel frattempo chiede un piano B ai suoi dirigenti (compreso il consulente Baldini che si trova in Sudafrica per motivi extra calcio) a prescindere da quello che sarà il risultato di domenica col Genoa. I nomi sono sempre i soliti: Sousa, Montella e Donadoni. Poi c’è il sogno Conte, ma anche solo per poterlo cullare bisogna aspettare giugno.

Un ulteriore segno di sfiducia nei confronti di Di Francesco è arrivato ieri mattina. La decisione di interrompere il ritiro, nonostante la prestazione orrenda di Plzen, è un segnale di come sia considerato inutile far stare squadra e tecnico a stretto contatto. E nello spogliatoio il distacco tra vecchi e giovani è evidente. Le parole di Manolas lo dimostrano: “Prendiamo gol da squadra giovanile, non siamo all’altezza”.

Ma Pallotta da Monchi vuole spiegazioni pure sugli investimenti di mercato. A Plzen erano in campo 10 acquisti di Ramon con una spina dorsale formata da Marcano, Nzonzi, Pastore e Schick. Quasi 100 milioni di investimenti, fin qui un fallimento assoluto. Oltre alla paura della mancata qualificazione alla prossima Champions, quindi, c’è pure il rischio svalutazione del parco giocatori.

(F.Balzani)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. noel - 2 anni fa

    Monchi vola a Boston …. perche non viene Pallotta a Roma?

    Questo e` il momento giusto di avere la presenza del Presidente (pseudo) a Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy