Di Francesco pronto, ieri già in città

Monchi: “Il nuovo allenatore avrà le idee chiare, sarà dedito al lavoro, un vincente e saprà abbracciare la filosofia della società”

di Redazione, @forzaroma

Da Spalletti a Di Francesco. A Trigoria si preparano a un altro ritorno, quello del giocatore che nel 2001 vinse insieme a Totti lo scudetto e che viene ricordato “per aver dato un polmone alla Roma”. Eusebio, detto Turbo, a 47 anni torna a casa da allenatore, anzi c’è già tornato visto che ieri è stato beccato all’Eur e visto che in serata ha avuto modo di parlare con Monchi e Pallotta.

Sono qui per motivi personali”, ha detto Di Francesco ai tifosi. Ma nessuno gli ha creduto. “Ci siamo per il nuovo allenatore – ha ammesso Monchi a Roma Tv -. Avrà le idee chiare, sarà dedito al lavoro, un vincente e saprà abbracciare la filosofia della società». L’accordo è stato trovato 15 giorni fa: biennale da 1,5 milioni più bonus.

Si aspettava solo l’addio di Spalletti e la certezza di non poter arrivare a Sarri, Montella e Emery. Dopo 5 anni quindi lo zemaniano Di Francesco lascia il Sassuolo dei sogni, dove ha ottenuto la storica promozione in A e la qualificazione in Europa. Con lui parte dello staff tecnico neroverde: il vice Tomei, il preparatore dei portieri Lorieri (in giallorosso tra il 1993 e il 1995) e il collaboratore Romano. Oltre a Lorenzo Pellegrini per il quale la Roma dovrà versare 10 milioni al Sassuolo.

A proposito: la clausola rescissoria da 3 milioni per Di Francesco verrà assorbita dai prestiti di Ricci e Marchizza. L’annuncio del 6° allenatore in 7 anni arriverà entro sabato. Un altro ritorno è quello dell’ex portiere De Sanctis che dovrebbe prendere il posto di Zubiria come team manager.

Di Francesco potrà contare su De Rossi per il quale la Roma ha trovato l’accordo definitivo: biennale a 4 milioni. E su Florenzi che ieri, durante la cerimonia dei premi Ussi (tra i premiati anche Gianluca Lengua de Il Messaggero) ha dichiarato: “Il bilancio di questa stagione è positivo. Aspettiamo il nuovo allenatore sperando che sappia dare entusiasmo”. Entusiasmo dovrà arrivare anche dal mercato.

Monchi è al lavoro: dopo aver visto sfumare Kessie e Schick, si sta concentrando su Klaassen dell’Ajax, Vrsaljko del Sassuolo e Lindelof del Benfica. Piacciono anche Fofana e Jankto dell’Udinese.
(F.Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy