De Rossi superstar in Argentina. Daniele l’italiano accolto da re

De Rossi superstar in Argentina. Daniele l’italiano accolto da re

Ieri a Buenos Aires, lunedì presentato ai tifosi del Boca. La sua maglia già a ruba

di Redazione, @forzaroma

Da esubero (senza motivo) nella sua Roma a vera e propria super star in Argentina. Ieri è iniziata l’avventura al Boca Juniors di De Rossi accolto alle 6,30 di mattina (ora locale) come un re da tifosi e giornalisti in una Buenos Aires impazzita letteralmente per lo sbarco di “Daniele l’italiano”.

Canti, cori, urla e abbracci per De Rossi reduce da 12 ore di volo passate con la moglie Sarah che ha ripreso tutto col cellulare e postato le storie su Instagram tra cui quella che testimonia il bigliettino mandato dal capitano dell’aereo che avvisava Daniele della vittoria del Boca in Libertadores contro l’Atletico Paranaense.

L’ex bandiera giallorossa (anzi la bandiera, visto che i simboli non muoiono mai) è stato preso d’assalto già all’aereoporto poi ha percorso in auto una città “imbrattata” di cartelloni e scritte in suo onore. Tutto in diretta tv mentre, sempre nella sua Roma, i tifosi giallorossi piangevano lacrime amare. Poi le visite mediche e infine la firma su un contratto annuale che avrà però due clausole liberatorie: una a fine dicembre, l’altra a marzo.

De Rossi deciderà col passare dei mesi se esercitarle oppure no. Nel pomeriggio ha raggiunto la squadra, conosciuto il tecnico Alfaro (“Ci darà tanta esperienza”, ha detto) e poi è crollato in albergo.

Lunedì la conferenza stampa alle 12 ora italiana in cui Daniele tornerà pure sull’addio travagliato alla Roma che ha deciso di non rinnovargli il contratto scatenando l’ira di una città. “E’ un avventura stimolante, sono sicuro che farà bene. Esportiamo uno dei nostri migliori prodotti”, le parole di Tommasi, presidente Aic ed ex compagno di Daniele.

L’esordio di De Rossi con la storica maglia del Boca (già a ruba online anche a Roma) potrebbe avvenire il 4 agosto a Paranà, contro il Patronato. Un evento storico anche perché l’ex capitano della Roma sarà il primo calciatore italiano ad aver vestito la maglia della nazionale a giocare nel campionato argentino. In Boca al lupo Daniè.

(F.Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy