Cancellato il murales di Totti

Monti, scritte antisemite e vernice bianca per coprire il dipinto realizzato per il capitano in occasione dello scudetto

di Redazione, @forzaroma

Imbrattato da scritte ignobili, a Monti il murales di Totti è di nuovo tutto da rifare. Era lì dal 2001, da quando la Roma vinse il suo terzo scudetto. E per 16 anni quell’immagine di un giovane Francesco Totti che esulta, indicando il cielo, ha rappresentato per i tifosi un luogo simbolo. Sia per l’immagine del Capitano che, con i capelli lunghi, porta la squadra alla vittoria, sia per quella mano esperta che riesce a fare di un murales un’icona. E farlo diventare un bene da proteggere al pari di un’opera d’arte.

Eppure a qualcuno, quel disegno su un muro del Rione Monti, proprio non piace. Due giorni fa, infatti, i soliti vandali hanno coperto l’immagine di via del Pozzuolo con una chiazza di vernice bianca, uno sfregio che di fatto ha cancellato un ricordo per l’intera città. Un’effige visitata non solo dai romani e romanisti ma anche dai turisti stranieri che, in quel disegno, rivedevano la forza del tifo e del giocatore noto in tutto il mondo. Non solo.

Purtroppo, infatti, al fianco di quella macchia bianca sono apparse scritte di chiara matrice antisemita: “A morte gli ebrei giallorossi” e ancora “romanista ebreo”. Una serie di sfregi sui muri di Monti su cui sono state subito allertate le forze dell’ordine. Per rimuovere le ignobili scritte sono intervenuti gli agenti del Pics, il Pronto intervento centro storico della Polizia locale, che hanno provveduto a cancellare la frase offensiva avvalendosi del personale competente. Il muro è stato quindi ricoperto con della vernice gialla, proprio per riprende i colori giallo e rosso utilizzati in origine per la realizzazione del murales 16 anni fa. Per il ritratto di Totti sarà necessario un nuovo intervento di restauro. Come accaduto nel 2012 quando il murales subì un simile atto vandalico e l’immagine di Totti si ritrovò con la testa, la fascia sul braccio, lo stemma e lo sponsor sulla maglia coperti da l colore nero di una bomboletta spray.

(L.Loiacono)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. romaugusta - 4 anni fa

    non può che essere stato un laziale acefalo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy