Toro, da Peres il tesoro per Belotti. Il brasiliano aspetta la Roma

Il ds dei granata: “Noi vorremmo tenerlo, ma il giocatore non è impassibile alle offerte: se lui scalpita per andarsene, vedremo cosa fare”. Scena comica a Bormio: Peres si ferma in piazza a firmare autografi e il pullman parte senza di lui

di Redazione, @forzaroma

Lo marcano stretto i tifosi granata e lo pressa la Roma. Solo il Toro si è «dimenticato» di Bruno Peres: non tanto sul campo e sul mercato, dove Ventura e Cairo si coccolano il gioiello brasiliano, ma nella piazza di Bormio dopo la presentazione ufficiale della squadra. Venerdì sera, tra un selfie e un autografo, il giocatore è rimasto indietro e non ha più trovato il pulmino per tornare nell’hotel del ritiro. Cose che capitano e che hanno strappato una risata al funambolo granata, ma difficilmente Bruno Peres perderà il mezzo che può portarlo a giocare la Champions. Questione di opportunità, ma le manovre della Roma sono in sensibile aumento e lo stesso terzino preso dal Santos un anno fa (dopo mille traversie e il rischio di un taglio estivo) è pronto a cambiare squadra.

Già a gennaio aveva chiesto di vestire il giallorosso ed ora attende l’evoluzione della trattativa: lui ha già dato il suo ok ai dirigenti romanisti e respinto l’ipotesi del Porto. Il nodo è il prezzo del cartellino e la liquidità della Roma: Cairo vuole almeno 12 milioni di euro cash, mentre Sabatini inserisce contropartite tecniche e aspetta la cessione di Romagnoli per finanziare l’operazione.

VALUTATO ALMENO 12 MILIONI Il Toro nel ruolo di Bruno Peres ha già ingaggiato Davide Zappacosta, con la promessa di una maglia da titolare, ed ora ha ripreso a trattare con l’Udinese un obiettivo gradito come Davide Faraoni, terzino destro di 23 anni reduce dal prestito di Perugia dopo essere cresciuto nel vivaio della Lazio e aver fatto esperienze all’Inter e in Inghilterra. Se due indizi non bastano a fare una prova, allora bisogna aggiungere le dichiarazioni di Petrachi sul futuro del brasiliano. «Noi vorremmo tenerlo – ha detto nei giorni scorsi il ds granata -, ma il giocatore non è impassibile alle offerte: se lui scalpita per andarsene, vedremo cosa fare». Peres può produrre un’altra plusvalenza, utile per dare l’assalto all’attaccante Andrea Belotti. Il Toro punta il centravanti dell’Italia Under 21, il cui destino è legato a quello di Defrel (martedì l’incontro tra Palermo e il francese per chiudere l’affare), e i soldi ricavati dalla cessione di Bruno Peres verrebbero subito reinvestiti per completare il reparto offensivo. Belotti è la priorità e i granata fanno sul serio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy