Prima diffide poi tweet: guerra totale per Salah. Pronta lettera di diffida per la Roma

A Trigoria la Roma si ritrova per andare in ritiro. Retroscena sull’affare Falque: 1,4 milioni di euro saranno girato dal Genoa al Tottenham, club dal quale si era trasferito al grifone

di Redazione, @forzaroma

Guerra totale. Su tutti i fronti: a parole, a suon di comunicati, a colpi di carte bollate e ora anche sul web. L’ultimo aggiornamento è che lo scontro tra laFiorentina e Salah ha anche una sua appendice sui social network. Dopo la lettera di diffida spedita dalla società viola all’Inter (e ce n’è un’altra pronta anche per la Roma), ora la faida si è spostata anche su Twitter. Salah, nella notte, ha postato due messaggi come «Grazie per apprezzarmi in questo modo» e «Non credete ai rumors dei media, io rispetto la Fiorentina, ora preferisco non parlare».

Stamattina è stato il turno di una serie di tweet al vetriolo del consigliere d’amministrazione gigliato Paolo Panerai, amico di lunga data della famiglia Della Valle, sono al centro dei riflettori.

«Toni, Mutu, Galliani sanno che la Fiore fa sempre onorare le firme. Lo sa Montella. Lo saprà Salah. Lo sa ora l’Inter che ci provò già con Toni», il testo del primo. «Caro Giovanni(Malago’), Salah è la goccia per commissariare. Non si può più tollerare che le firme e i regolamenti (art.18) valgano meno di 0», il bis. Chiusura con un attacco frontale indirizzato all’Inter: «Se le società del calcio dovessero rispettare la trasparenza, l’Inter sarebbe già retrocessa. Che soldi sono, di chi, a partire dalle Cayman? Platini sa che l’Inter è fuori dalla legge del fair play. Per Salah e gli altri acquisti milionari. È l’occasione per una iniziativa esemplare». La telenovela non finisce qui.

[…]

A Trigoria primo giorno di scuola della Roma: unico volto nuovo quello di Iago Falque. Dal suo trasloco in giallorosso, oltre al Genoa, ne ha trarrà profitto anche il Tottenham, precedente proprietario del cartellino dello spagnolo. Al momento del trasferimento in Liguria, infatti, gli Spurs inserirono una clausola che gli garantiva l’incasso del 15% su una futura rivendita. Detto, fatto: quasi un milione di sterline, al cambio 1,4 milioni di euro, termineranno nelle casse del club di Londra Nord.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy