Zeman a un passo dall?esonero ?Mi dispiacerebbe, ma non spetta a me?

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – M.Pinci) – Soltanto oggi Zeman conoscer? la verit?, ma sulla sua testa soffia forte il vento dell?esonero. Il tracollo interno contro il Cagliari offre al club che per 72 ore si era interrogato se confermare o meno il boemo dopo Bologna, la chiave per decidere: la squadra abbandona il tecnico e affonda con lui.

 

All?esterno dello stadio Olimpico quasi trecento persone hanno atteso la squadra per contestarla sonoramente, dopo averlo fatto gi? all?interno dell?impianto, seguendola, in quaranta, fino a Trigoria.

 

Oggi il giorno del giudizio: ?Mi confronter? con la propriet? e gli altri dirigenti per parlare globalmente dei problemi, e la riflessione non riguarder? solo l?allenatore, ma prima ? meglio far passare la notte?. Cos? il dg Franco Baldini apre ufficialmente all?addio. Anzi, agli addii: perch? quando nelle primissime ore della mattina il management romanista si ritrover? a Trigoria non sar? soltanto la posizione di Zeman a traballare, anche il dg ? pronto a rassegnare il proprio mandato nelle mani di Pallotta. Gi? nella notte il vertice tra i dirigenti in contatto costante con gli States, stamane la decisione definitiva sulla sorte della Roma americana anno secondo. Pronto il nome del sostituto del tecnico: avviati nelle ultime ore contatti con Laurent Blanc. Il francese, ex ct della nazionale transalpina, ha risposto con soddisfazione alla chiamata, lui preferirebbe poter partire da luglio per avere tempo di programmare, ma non ha detto no alla soluzione in corso di anno.

 

Il cambio, comunque, appare inevitabile: ?Contro il Cagliari abbiamo pagato anche uno stato generale di confusione su cui si deve riflettere ? conferma Baldinida qualche parte abbiamo sbagliato se i risultati sono quelli che sono, le caratteristiche di questo nuovo corso era crescere con molti giocatori giovani, pensavamo fosse una condizione obbligatoria per inseguire un certo tipo di gioco, perch? una squadra composta da 11 giocatori non esperti poteva essere ideale per questo progetto di gioco?.

 

Pi? difficile convincere Zeman del fallimento della sua idea di calcio, nel suo secondo corso romanista: ?Non ? una partita che mi far? dimettere, credo in quello che faccio?, giura il boemo. Che per? non pu? ignorare i venti che soffiano su di lui: ?Essere esonerato mi dispiacerebbe perch? credo nella squadra, ma non spetta a me. Io sono a disposizione della societ??. E dei tifosi, che lo hanno contestato apertamente durante la gara ? insieme ai dirigenti ? ma anche alla fine, esponendo uno striscione eloquente per tutto il secondo tempo: ?Via il boemo?. Gi? oggi potrebbero essere accontentati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy