Una crisi congelata. La Roma salva a metà, ora il giudice è CR7

Una crisi congelata. La Roma salva a metà, ora il giudice è CR7

I giallorossi battono il Genoa 3-2 senza esaltare. E sabato c’è l’Allianz Stadium

di Redazione, @forzaroma

Resiste strenuamente Eusebio Di Francesco, come un vecchio capitano che prende in faccia le onde della tempesta. Stavolta ha accolto il fischio finale dell’arbitro come una liberazione ed è subito sceso negli spogliatoi a sbollire la tensione di questi giorni difficilissimi. La partita col Genoa, vinta a fatica 3-2, quella che poteva essergli fatale è stata una lunga risalita verso la salvezza e l’agognata conferma. C’è stato un momento, scrive Bocca su “La Repubblica”, mentre l’arbitro Di Bello attendeva la decisione del Var di annullare il terzo vantaggio del Genoa, in cui tutto sembrava quasi venire giù, e il destino dell’allenatore della Roma compiersi. “Siamo arrivati qui con demerito, siamo una squadra malata, ho cercato di mettere in campo tanta emotività” ha detto Di Francesco che ha deciso di giocarsela più d’istinto che di testa. E dunque ennesimo modulo di stagione (3-4-1-2), attacco giovanissimo con Zaniolo (19 anni) falso nueve, Ünder (21) a destra e Kluivert (19) a sinistra, mentre dietro difesa a tre più i due soliti terzini (Florenzi e Kolarov) sugli esterni.
Il Genoa partiva meglio, con più decisione fino ad arrivare al gol di Piatek su clamorosa papera di Olsen (tiro di Hiljemark e palla che passa tra le gambe). E rispondeva ancor meglio e decisamente al gol del pareggio della Roma con Fazio. In meno di due minuti infatti approfittava dell’ennesimo svarione difensivo, con Florenzi che si perdeva Hiljemark e la botta che riportava subito il Genoa di Prandelli in vantaggio. Se la Roma con Kluivert palla al piede non avesse ripreso il Genoa prima di tornare negli spogliatoi la partita sarebbe diventata l’ennesimo incubo. E comunque su quel filo la partita è continuata, il terzo vantaggio del Genoa (tiro di Lazovic, tocco di Bessa e ancora una brutta papera di Olsen) è stato annullato per fuorigioco al Var, con lo stadio rimasto un paio di minuti buoni in sospeso ad aspettare la decisione della regia. E dal vantaggio virtuale del Genoa si è passati a quello della Roma con la stessa leggerezza, un gol che Cristante si è cercato con un destro potente, triangolando nella maniera più classica possibile con Kluivert. Ancora un gol sbagliato a porta vuota da Ünder, un palo di Cristante e poi per la Roma una lungo cammino di resistenza e di sofferenza per cercare di arrivare stavolta indenne alla fine. Florenzi proprio agli istanti finali spingeva Pandev in area: sarebbe stato rigore, ma è passato in cavalleria. La Roma stavolta non si è lamentata del mancato uso del Var.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy